Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

controlacrisi

C'è chi dice no. La rivolta della casa editrice E/O allo strapotere di Amazon

Il testo della lettera dei fondatori

di Redazione

Rivoluzione tecnologica, vecchia economia: quando l'odore del monopolio attizza gli istinti bestiali. E' il caso del "NO", pesante come un macigno, della casa editrice E/O ad Amazon, che in pochi anni ha monopolizzato non solo la distribuzione del libro ma le stesse case editrici. La situazione è al limite del collasso. E la lettera di Sandro Ferri e Sandra Ozzola, fondatori di E/O esprime un malessere che non è solo contro Amazon ma anche contro una logica perversa che sta risucchiando la cultura in quanto tale. Le altre grandi case editrici avranno lo stesso coraggio?  

Il passaggio fondamentale di questa lettera della casa editrice E/O è: "Ci è stato richiesto uno sconto gravoso e ingiustificato e di fronte al nostro rifiuto #Amazon ha sospeso l’acquisto di tutti i nostri libri e ha reso quelli che aveva in magazzino."

Ecco la lettera intera.

* * * *

Da anni ormai Amazon è diventato il più grande negozio on-line di libri (e non solo) nel mondo. Ovunque tende al monopolio e in alcuni paesi già controlla la maggior parte del mercato. Ha creato occupazione, ma ha costretto alla chiusura tantissime librerie (con conseguente perdita di posti di lavoro). Numerose testimonianze giornalistiche documentano le cattive condizioni di lavoro nei magazzini del colosso on-line.

Attualmente è in corso un’agitazione sindacale nel magazzino di Piacenza a causa delle condizioni di lavoro che i sindacati definiscono “insostenibili” e Amazon non si è neppure presentata all’incontro di mediazione convocato in Prefettura.

La chiusura delle librerie causata dalla concorrenza spietata di Amazon significa anche impoverimento economico e culturale del territorio: vengono a mancare essenziali luoghi di ritrovo e di cultura. Molti consumatori però accettano Amazon per i suoi prezzi (in genere più scontati quando le leggi nazionali lo consentono) e per l’efficienza. Abbiamo visto con quali conseguenze per le condizioni di lavoro dei suoi dipendenti e per l’impoverimento del territorio, Amazon riesce a ottenere questa efficienza.

I suoi prezzi spesso vantaggiosi sono il risultato di una politica che a volte è arrivata ai limiti del dumping (vendere a prezzo minore o pari a quello d’acquisto dai fornitori); di una frequente elusione delle tasse (nell’ottobre 2017 Amazon è stata condannata dalla Commissione Europea a pagare alla UE 250 milioni di tasse non versate; “¾ dei suoi profitti non sono stati tassati”, ha denunciato la Commissione); di condizioni economiche inaccettabili richieste agli editori.

Noi siamo appena stati oggetto di tali richieste. Ci è stato richiesto uno sconto (quello che gli editori pagano ai distributori e alle librerie come loro “quota” del ricavo finale) a loro favore troppo gravoso per noi e neppure giustificato dal volume dei loro affari con la casa editrice. Di fronte al nostro rifiuto, Amazon ha sospeso l’acquisto di tutti i nostri libri e ha reso quelli che aveva in magazzino. (Attualmente sul loro sito i libri E/O cartacei sono in vendita solo attraverso soggetti terzi, quindi a condizioni più sfavorevoli per tempi di consegna e per costi di spedizione addebitati al cliente).

A questo punto i consumatori potrebbero dire che si tratta di negoziazioni tra imprese e che a loro interessa solo avere un buon prezzo e un servizio efficiente. Il nostro punto di vista è che siamo in presenza di un’azienda che tende pericolosamente e con parziale successo ad avere una posizione dominante nel mercato del libro, sicuramente per quanto riguarda il settore dell’e-commerce. Quindi non un’azienda qualsiasi, ma QUELLA che potrebbe in futuro essere l’unica (o quasi) venditrice di libri. È evidente che il pericolo per la libertà di espressione è reale, costante e quotidiano. Inoltre le case editrici hanno bisogno di margini economici sufficienti per investire nella ricerca di nuovi autori e di nuove proposte. Se questi margini vengono troppo erosi, le case editrici rischiano di sparire (assieme alle librerie, agli autori e a tutto il mondo del libro).

Per questo abbiamo detto NO. Per questo chiediamo il vostro sostegno di lettori, di cittadini che non possono ridursi a essere solamente consumatori ma sono consapevoli di essere anche parte di un territorio (che non può essere desertificato), lavoratori e soggetti degni e liberi di una comunità plurale.

Sandro Ferri, Sandra Ozzola
Fondatori delle Edizioni E/O

Pin It

Comments   

#1 clau 2018-01-02 12:11
Signori, questo è il sistema di cui siete parte, un sistema che vi andava più che bene finché si trattava di spremere plusvalore a dipendenti e collaboratori, e vi arricchivate sulle loro sofferenze e miserie. Ora, finalmente, tale vorace sistema colpisce un numero sempre più vasto di categorie sociali che fino a ieri ne costituivano i pilastri portanti, più o meno reazionari, ed esprimete dolore perché… anche i ricchi iniziano a piangere!
Preso atto della situazione, che soluzione proponete, di tornare al passato? Non è possibile, il sistema va per la strada decisa dal grande capitale economico/finanziario, cioè di Amazon e compagnia, vi piaccia oppure no. Mi auguro pertanto che capiate che cos’è veramente questo vostro sistema, il sistema capitalistico di produzione, e che possiate diventare parte trainante di quella moltitudine di cittadini subordinati che si prefiggono di superarlo, per costituire un nuovo modello di società in cui non sia possibile sfruttare ed essere sfruttati.
Quote

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh

0
0
0
s2sdefault