Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

ancorafischia

Potere al popolo, l'alternativa di sinistra

di Francesco Cecchini

Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso.
Ernesto Che Guevara

Potere al Popolo nasce dalla proposta di un centro sociale napoletano, Je so’ pazz, che all’indomani del fallimento unitario del Brancaccio, ha coraggiosamente deciso di presentare una lista alle prossime elezioni politiche. Tale proposta sta coinvolgendo organizzazioni comuniste come P.C.I. e Rifondazione Comunista, sindacati come USB, figure storiche della sinistra sindacale e politica, come Giorgio Cremaschi e Sandro Medici e segmenti politici e sociali della sinistra critica e alternativa. Si si sta diffondendo un progressivo contagio, soprattutto in quelle aree sociali più esposte che in questi anni hanno sofferto il pacchetto Treu, introduzione della precarietà, Jobs Act, abolizione dellarticolo 18, privatizzazioni, svendita del patrimonio industriale, regali alle imprese, sgravi fiscali ai ricchi, finanziamenti pubblici a soggetti privati, tagli ai servizi, a scuola e sanità, corruzione, perfetta integrazione con clan e potentati locali, decreto Minniti, gestione razzista delle politiche migratorie, finanziamenti per tutte le missioni italiane allestero, spese militari folli. L’obiettivo immediato è partecipare alla campagna elettorale, combattendo i responsabili di quanto sopra, Il Partito Demovratico di Renzi, Forza Italia di Berlusconi, Lega di Salvini, Fratelli d’Italia della Meloni ma anche M5s di Di Maio, sempre più a destra, e i sinistri di Liberi e Uguali, DAlema, Bersani, Grasso, Speranza, Civati, Fassina, Bassolino, De Gaetano, che non sono altro che un Partito Democratico 2.

Le assemble di Potere il Popolo, affollate e partecipate in tutta Italia, la scelta dei candidati, il dibattito e la diffusione del programma promettono bene. L’obbiettivo strategico,che va oltre il 4 marzo, è quello di avviare un processo che crei un movimento esteso nel territorio e duraturo per l’alternativa e per il cambio politico, sociale e culturale. Va sottolineato che in Europa Potere al Popolo ha avuto il riconoscimento di Jeremy Corbyn di Momentum del Labour Party e della France Insoumise di Jean-Luc Mélanchon.

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh

0
0
0
s2sdefault