Print Friendly, PDF & Email

contropiano2

Fmi. Affamare i pensionati, le vedove, gli orfani

Come in un romanzo sociale dell’Ottocento

di Stefano Porcari

In Italia le persone oltre i 65 anni sono il 22% della popolazione, la percentuale più alta a livello europeo, seguita dalla Grecia (il 21,3%) e dalla Germania (il 21,1%). Poi ci sono il Portogallo (20,3%) e la Bulgaria (20,1%). E’ ovvio che, nonostante l’innalzamento dell’età pensionabile e le micidiali controriforme previdenziali quali la Fornero, la spesa pensionistica italiana resti più elevata di altri paesi. Con una spesa calcolata al 16% del Pil è la seconda più alta dopo quella della Grecia. Ad affermarlo, con un tono che non promette nulla di buono, è un ‘working paper’ del Fmi curato da Michael Andrle, Shafik Hebous, Alvar Kangur e Mehdi Raissi e dal titolo ‘Italy: toward a growth-friendly fiscal reform’.

Nel documento del Fmi si segnala come ci siano molte aree nel sistema pensionistico in cui l’Italia può agire per ridurre la spesa e quindi risparmiare. Il Fmi ovviamente sorvola sulla curva ormai discedente e non più ascendente dell’aspettativa di vita in Italia. Ormai infatti si va in pensione più tardi, ci si cura di meno per motivi economici, aumenta il disagio sociale e quindi si muore di più e prima degli anni passati.

Senza ricorrere ancora all’eugenetica (dovete morire prima, ndr), una delle ipotesi che secondo il Fmi potrebbero essere seguite è quella dell’eliminazione della quattordicesima (in Italia appena introdotta sulle pensioni da luglio del 2017 e oscillante tra i 335 e i 655 euro) e di una riduzione della tredicesima sulle pensioni, che potrebbero essere sostituite con “interventi anti povertà”, un refrain questo che ormai sembra impazzare come unico modello di welfare per i miserabili compatibile con i brutali tagli alle spese sociali.

Un altro intervento possibile, secondo lo studio del Fmi, andrebbe portato avanti sulle pensioni di reversibilità e quindi, come nell’Ottocento, contro le vedove (e i vedovi ovviamente). Le pensioni che in Italia vengono assegnate a fronte della morte del congiunto equivalgono al 2,75% del Pil, e sono le più alte in Europa (forse perché, come dimostrato, ci sono più persone anziane? Ndr). Gli economisti del Fmi chiedono quindi di fissare un’età minima affinchè il coniuge vedovo ne benefici e di eliminare la possibilità che ne beneficino altri familiari. Alzando l’età minima, il Fmi si augura probabilmente che il coniuge superstite si affretti a raggiungere quello deceduto “prima” di poter usufruire della pensione di reversibilità. E i figli, che magari restano orfani? Si arrangino, è un problema loro e si diano da fare.

Ma il ricettario del Fmi non è finito. In fondo c’è un’altra terapia dolorosa, destinata soprattutto – e guarda caso – a quei paesi euromediterranei dove c’è un alta componente di lavoro autonomo (Italia, Spagna, Grecia). Infatti in tema di contributi previdenziali lo studio evidenza la disparità tra i contributi pagati dei lavoratori dipendenti (al 33% del salario) e quelli dei lavoratori autonomi e chiede di alzare ad almeno il 27% dall’attuale 24% l’aliquota di questi ultimi. Nessun accenno, ovviamente, in termini di ritorno pensionistico.

Anche sul terreno dei trattamenti pensionistici i tecnocrati delle elites sembrano ormai aver perso i freni inibitori e non si preoccupano di nascondere le loro soluzioni che somigliano tanto a quelle naziste, come il medico che in un dibattito televisivo con Cremaschi e la Fornero sosteneva con supponenza insopportabile che oggi si può lavorare tranquillamente fino a settanta anni. Così il periodo di quiescenza e del trattamento previdenziale diventa corto corto, con grande risparmio sui costi. Non quelli umani evidentemente. Questi qui vanno fermati, con ogni mezzo necessario, ne va della nostra sopravvivenza.

Pin It

Comments   

#2 Vincesko 2018-03-31 23:41
Lettera a FMI su working paper con fake news sulle pensioni italiane
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2861047.html oppure
http://vincesko.blogspot.com/2018/03/lettera-fmi-su-working-paper-con-fake.html
Quote
#1 Vincesko 2018-03-30 21:00
La questione fondamentale non sono le proposte del FMI, tipiche degli spietati Stati maggiori, ma la premessa per avanzarle, come ho già segnalato qui in “Pensioni: l’estremismo di Bankitalia e Corte dei Conti” di Vincesko https://www.sinistrainrete.info/spesa-pubblica/10826-vincesko-pensioni-l-estremismo-di-bankitalia-e-corte-dei-conti.html

Riporto uno stralcio della lettera che ho inviato ieri al FMI.

Infatti, la spesa pensionistica italiana include (nel confronto internazionale) varie voci spurie, che sono:
1. TFR (1-1,5% del Pil), che è salario differito[3] e può essere riscosso decenni prima del pensionamento;
2. un 10% di spesa assistenziale sul totale della spesa pensionistica (1,5% circa del Pil);
3. un peso fiscale comparativamente maggiore (la spesa pensionistica italiana è al lordo di quasi 50 mld di imposte, che per lo Stato è una mera partita di giro: gli assegni pensionistici sono erogati al netto);[4]
4. un uso prolungato, a causa dell’assenza di adeguati ammortizzatori sociali (usati negli altri Paesi), delle pensioni di anzianità appunto come ammortizzatore sociale;
5. infine, ad essere esaustivi, nella spesa pensionistica degli altri Paesi andrebbero sommati gli incentivi fiscali (= minori entrate) alle pensioni integrative (v., in particolare, la Gran Bretagna).
Al netto dei 90 mld di voci spurie, la spesa pensionistica gestioni private effettivamente erogata è pari, al 31.12.2016, a 176,8 mld (cfr. Osservatorio INPS sulle pensioni al 31.12.2016[4]), e l’incidenza sul Pil cala dal 16% (già influenzato dal calo di 150 mld del denominatore a causa della lunga e grave crisi economica) al 12%, che è inferiore al dato “lordo” previsto per il 2060.

In riferimento alla previsione al 2060 della spesa pensionistica (OCSE, tab. 7.5, pag. 147): chiarito, per completezza, che il dato 2010 e 2015 è influenzato dal calo del Pil di circa 150 mld a causa della grande recessione, a parte l’aleatorietà delle previsioni a lungo e lunghissimo termine, il dato del 13.8% nel 2060 è un dato lordo. Se defalchiamo i 2,3 punti di imposte, caliamo a 11,5; e se sottraiamo il TFR e l’assistenza (almeno altri 2 punti), scendiamo a 9,5.
Quote

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh