Print Friendly, PDF & Email

comuneinfo

Loro si preparano, noi…

di Raúl Zibechi

Generalmente lo chiamano “l’evento”. Alcuni miliardari ritengono indispensabile prepararsi al possibile esito della direzione di marcia presa da chi alimenta e controlla un sistema che devasta le relazioni sociali e il pianeta. Così elaborano progetti e soluzioni per garantirsi un’esistenza all’altezza del rango, qualora catastrofi nucleari, pandemie, sanguinose rivoluzioni e altre disgrazie dovessero far precipitare la situazione. Loro pensano a lungo termine e preparano vie d’uscita per se stessi o ristretti gruppi di élite ma non si fidano certo dello Stato, né dei loro stessi monopoli o delle guardie armate. Non è inutile avere un’idea di come si comporterebbe la classe dominante in situazioni estreme, ma dobbiamo dirci anche che soluzioni collettive che coinvolgessero interi popoli sarebbero molto più complesse. Quella è solo una nostra responsabilità, ed è tremenda. Eppure, scrive Zibechi, noi ci “intratteniamo” a guardare la tv e coltiviamo illusioni. Solo alcuni popoli originari e pochi gruppi di donne e giovani stanno lavorando per un futuro di autonomia e di dignità

Settimane fa, lo scrittore e professore di cultura virtuale Douglas Rushkoff, ha pubblicato un articolo intitolato “La sopravvivenza dei più ricchi e come tramano per abbandonare la nave”. Ritengo necessario rifletterci su, perché racconta dell’incontro tra uno dei principali teorici del cyberpunk e un piccolo gruppo di imprenditori miliardari, i quali rivelano che stanno pensando a come riuscire a cavarsela nel mondo che ci aspetta.

Di fronte a cinque maschi ricchissimi, “delle alte sfere del mondo degli hedge funds”, Rushkoff ha potuto scoprire pronostici e proposte di queste persone a cui non abbiamo abitualmente accesso. Lo hanno tempestato di domande.

“Quale regione sarebbe meno colpita dalla crisi provocata dal cambiamento climatico? La Nuova Zelanda o l’Alaska? È vero che Google sta costruendo a Ray Kurzweil una dimora per ospitare la sua mente? Riuscirà la sua coscienza a sopravvivere alla transizione o, al contrario, perirà e ne rinascerà una completamente nuova?”

Il direttore generale di un’agenzia di brokeraggio, che sta costruendo un bunker, gli ha rivolto una domanda tanto intelligente quanto angosciata: “Come riuscirò a imporre la mia autorità alla mia guardia di sicurezza dopo l’evento?”

Lo scrittore spiega: “L’evento. Questo era l’eufemismo che adoperavano per il collasso ambientale, l’agitazione sociale, l’esplosione nucleare, la diffusione inarrestabile di un virus o il momento in cui l’hacker di Mr. Robot pone fine a tutto”.

Rushkoff spiega che i super-ricchi sono coscienti che avranno bisogno di guardie armate “per proteggere le loro strutture dalle masse incollerite”. Ma non hanno chiaro come le pagheranno “quando il denaro non avrà più valore”. Né come proteggeranno le loro scorte di cibo. Insomma, stanno cercando di proteggersi davanti al “cambiamento climatico, all’aumento dei livelli del mare, ai grandi flussi migratori, alle pandemie globali, al panico nazionalista o all’esaurimento delle risorse”.

Fin qui i punti centrali dell’articolo, che chiunque può analizzare per poi giungere, in ogni caso, a conclusioni diverse. È vero che si può concludere che questi [uomini] molto ricchi soffrono di una certa dose di paranoia e di allucinazioni sul futuro. Tuttavia, se sono giunti a questo punto è perché sanno qualcosa del mondo che noi non dobbiamo ignorare. Ritengo ci siano due temi di fondo.

Il primo è che quei super-ricchi pensano a lungo termine, fanno proiezioni sul futuro, analizzano i rischi e cercano soluzioni. Come diceva Fernand Braudel, la classe dominante possiede informazioni  privilegiate che le consentono di prendere decisioni a suo benefici.

Il secondo è che tutta la loro riflessione ruota attorno all’”evento”: il caos sistemico imminente nel quale stiamo entrando, affinché quel momento non li colga impreparati, per avere un “piano B”, alternative reali e non rimanere intrappolati senza via d’uscita.

Certamente, le vie d’uscita che cercano sono tremende, come preparare un futuro post-umano, o la colonizzazione di Marte, elevare le proprie menti a super-computer o un futuro digitale per superare la condizione umana, senza dipendere da sentimenti come la compassione e l’interdipendenza, al fine di assicurarsi la sopravvivenza. Non hanno il minino attaccamento all’etica della vita.

Penso che come movimenti antisistemici possiamo imparare qualcosa da questi machiavellici miliardari. Vedo tre aspetti centrali.

Il primo è la necessità di capire che l’”evento”, la “tormenta” come segnalano gli zapatisti, è all’orizzonte. La fine di ogni sistema-mondo è stata così. La caduta di Roma, il declino del feudalesimo e l’ascesa del capitalismo quando la peste nera uccise due terzi della popolazione europea; le due guerre mondiali del secolo scorso che seppellirono l’egemonia britannica.

Il secondo è che pianificano vie d’uscita da a una situazione apocalittica. Elon Musk dice che è poco probabile che non si abbia una nuova guerra mondiale e nucleare. Il magnate ha una soluzione: “Una base lunare e un’altra su Marte forse potrebbero aiutare a rigenerare la vita qui sulla Terr. Si dirà che sono deliri, ma non dobbiamo ignorare quello che pensa la classe dominante.

Non voglio entrare nel dibattito sulle proposte concrete dei ricchi, bensì riflettere sulla necessità di costruire delle vie d’uscita tra los de abajo. Loro, i ricchi, non si fidano né dello Stato, né dei monopoli che controllano, nemmeno delle loro guardie private. Cercano l’autonomia, un’autonomia chiaramente  individualista, perché pensano solo a sé stessi.

Il terzo è che le soluzioni collettive che coinvolgono interi popoli sono molto più complesse che le vie d’uscita individualiste per un piccolo nucleo. Quella è una nostra responsabilità ed è tremenda.

Da quello che vedo attorno a me, noi, de abajo, ci “intratteniamo” guardando la televisione, giocando con i cellulari, votando ogni tot di anni e applaudendo il salvatore di turno. Solo alcuni popoli originari, alcuni gruppi di donne e di giovani, stanno lavorando per un futuro di autonomia e di dignità.


Articolo pubblicato su La Jornada con il titolo “Ellos” se preparan. Nosotros…

Traduzione per Comune-info: Daniela Cavallo
fShare
2
Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh