Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

nena

BAHRAIN. Il parlamento approva: i civili saranno processati in tribunali militari

di redazione

Il Consiglio consultivo ha ieri dato l’ok all’emendamento costituzionale che secondo l’opposizione instaura la legge marziale nel piccolo arcipelago. Per Manama la modifica era “necessaria per combattere il terrorismo”

Roma, 6 marzo 2017, Nena News – Ancora un duro colpo per l’opposizione bahrenita: ieri il parlamento ha approvato un cambiamento costituzionale che permetterà alle corti militari di processare i civili. I 40 membri del Consiglio consultivo – la Camera alta del parlamento nominata da re Hamad bin Isa al-Khalifa – hanno votato ieri a favore della misura confermando quanto già aveva stabilito due settimane fa il Consiglio dei Rappresentanti (la Camera bassa del Parlamento). Con il nuovo provvedimento vengono così rimosse le limitazioni contenute prima nella carta costituzionale su chi poteva essere processato nelle corti militari. Per gli attivisti l’intento è chiaro: l’emendamento instaura di fatto la legge marziale nel piccolo arcipelago e sarà usato come arma per reprimere qualunque forma di opposizione all’autorità di re Hamad. Di diverso avviso, ovviamente, è Manama che parla di modifica “necessaria per combattere il terrorismo”.

In realtà quello che è stato approvato ieri rende ormai legale quanto già da tempo stava diventando prassi nel piccolo regno: in seguito alle manifestazioni del 2011, infatti, centinaia di civili sono stati processati nelle corti militari. Il ricorso massiccio a tale provvedimento aveva suscitato reazioni furiose da parte dell’opposizione sciita che avevano costretto il governo ad aprire un’inchiesta sul suo utilizzo. Lo studio ha dato poi ragione ai protestanti: le corti militari, si legge nel rapporto conclusivo, sono strumenti “per punire l’opposizione” e generano fondati dubbi “sulla loro conformità al diritto internazionale”.

Una condanna dell’emendamento costituzionale è giunta da Sayed al-Wadaei, il direttore dell’Istituto per i diritti e la Democrazia nel Bahrain: “[Ciò che è stato votato ieri] è idea del re bahrenita e il fatto che lui firmerà il provvedimento vuol dire che personalmente sta approvando la nuova misura repressiva con tutto ciò che essa comporterà”. “La responsabilità di questa legge marziale de facto – ha aggiunto ieri al-Wadaei – è sua”.

Il governo per ora tace. L’unico a parlare è stato ieri il ministro di giustizia Khaled bin Ali al-Khalifa il quale, durante la sessione del Consiglio, ha detto ai parlamentari che la modifica è necessaria perché “i giudici militari sono i migliori ad occuparsi dei conflitti illegali [le proteste]”. “Se le milizie e i gruppi armati stanno commettendo atti terroristici che colpiscono vite innocenti, [danneggiano] la proprietà [pubblica] e ricevono addestramento per combattere, noi dobbiamo fronteggiarli e fermare le loro minacce alla pace e alla sicurezza”. L’emendamento approvato non è altro che l’ultimo provvedimento anti-manifestanti: il regno ha infatti restaurato anche il potere del suo temuto servizio di spionaggio interno per compiere alcuni arresti di dissidenti.

Senza dimenticare che l’impennata della repressione operata da re Hamad (monarca sunnita in un Paese a maggioranza sciita) si è registrata a partire dallo scorso giugno: nel giro di due settimane è stata tolta la nazionalità all’importante guida religiosa sciita Shaykh Isa Qassim, è stato bandito il principale partito di opposizione (al-Wefaaq), è stato arrestato il noto attivista dei diritti umani Nabeel Rajab ed è stata costretta all’esilio la dissidente Zeinab al-Khawajah perché minacciata di essere nuovamente arrestata per un periodo di tempo indefinito. Si tenga presente poi che Ali Salman, il leader di al-Wefaaq, è in prigione dove sta scontando una pena di nove anni.

In risposta al duro giro di vite operato da Manama, sono aumentati gli attacchi contro le forze di sicurezza locali rivendicati per lo più da gruppi sciiti. Il governo punta però il dito contro l’Iran accusando la Guardia rivoluzionaria di aver addestrato e armato gli oppositori.

Le tensioni nel Paese si sono acuite lo scorso gennaio quando le autorità locali hanno giustiziato 3 uomini colpevoli, secondo Manama, di aver compiuto un attacco bomba contro la polizia. Un’accusa rigettata con forza dagli attivisti secondo i quali la testimonianza di colpevolezza sarebbe stata ottenuta con la tortura. Alcuni dissidenti sottolineano poi come l’interregno tra la fine dell’amministrazione Usa di Barack Obama e l’inizio di quella del neo presidente Trump ha fornito a re Hamad una ghiotta occasione per reprimere con più forza le voci dell’opposizione.

Se con Obama un contratto multi miliardario per l’acquisto di jet americani è stato fermato all’ultimo momento per le “preoccupazioni” di Washington per le condizioni dei diritti umani nel Paese, con l’arrivo di Trump alla Casa Bianca l’affare potrebbe ora concretizzarsi. Ne è convinto Husain Abdullah, il direttore del gruppo Americani per la Democrazia e i diritti umani in Bahrain: “In un anno in cui la nuova amministrazione sta rimuovendo i diritti umani dalla sua [agenda] in politica estera e si sta preparando a vendere armi incondizionatamente, il segnale [che si manda] è pericoloso per quello che potrebbe accadere in futuro”.

A dire il vero, però, con Obama alla presidenza Usa la situazione non era tanto differente. Le “preoccupazioni” a intermittenza di Washington (e di Bruxelles) per la repressione bahreinita non hanno mai prodotto sanzioni e boicottaggi e si sono limitate (nel migliore dei casi) a flebili proteste. Dopo tutto Manama ospita la Quinta flotta degli Stati Uniti e a breve sarà pronta la base militare inglese (finanziata per lo più dal regno sunnita). E avere un alleato fedele a poche miglia marine dal “nemico” Iran è un’occasione che non può essere assolutamente persa.


AGGIORNAMENTI

6 marzo ore 14.45 – Governo vuole dichiarare illegale partito socialista Waad

Il governo bahranita, espressione della monarchia assoluta di re Hamad bin Isa al Khalifa, ha chiesto ai giudici di dichiarare illegale il partito socialista Waad perchè “sostenitore del terrorismo” e della “sovversione”. “Non siamo spaventati, non è il primo attacco al quale siamo soggetti in questi ultimi anni – ha dichiarato qualche minuto fa a Nena News  il leader del Waad, Ibrahim Sharif – continueremo la nostra battaglia politica per ottenere i diritti reclamati dal popolo del Bahrain”

Aggiungi commento

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Codice di sicurezza
Aggiorna