Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

contropiano2

Le comunali bocciano i grillini, ma non vince nessuno…

di Alessandro Avvisato

Le elezioni amministrative sono un mega-sondaggio, spesso condizionato da interessi e clientele locali. Ma restano un termometro abbastanza sensibile degli orientamenti della parte di paese che vota.

Da questo punto di vista, è inevitabile registrare la robusta battuta d’arresto del Movimento 5 Stelle, che praticamente è fuori dal secondo turno di ballottaggio in tutte le città principali dove si è votato (Genova, Palermo,Verona, Parma, Padova, L’Aquila, ecc). In alcune di queste era dato per scontato, ma in altre (Genova e Parma, soprattutto) il pessimo risultato è un prodotto dell’incapacità totale del vertice grillino – a partire dal “garante-proprietario” del marchio – di gestire ambizioni individuali, gruppi di interesse consolidati, integralismi senza visione politica.

E se per Parma poteva sembrare sensato incolpare il “traditore” Pizzarotti per la crisi del movimento nella città della prima vittoria, Genova è invece un “capolavoro” del fondatore e padrone assoluto. Beppe Grillo, a casa sua, è riuscito nella non facile opera di smantellare quanto costruito in anni di lavorio, bruciando la candidata che aveva vinto le “comunarie” interne (Marika Cassimatis) e un altro ex grillino della prima ora (Paolo Putti), e consegnando al candidato “ufficiale” Luca Pirondini un vascello che faceva acqua da tute le parti, abbandonato da attivisti di lunga durata e qualche credibilità.

Idem a Palermo, altra culla originaria che si è ritrovata avvolta da denunce reciproche tra ex e neo attivisti candidati.

Resta probabilmente vero che sul piano nazionale il M5S continua ad attrarre il voto di protesta anti-establishment e che, dunque, si illude il Pd berlusconianizzato di aver ormai respinto l’assalto “populista”. Ma non è difficile capire che l’assoluta incapacità di “competere” a livello locale non è dovuta soltanto alla difficoltà di farsi riconoscere con un programma davvero diverso, ma soprattutto alle pessime prove date là dove la vittoria era stata raggiunta a mani basse (Roma docet).

Insomma, il voto ai Cinque Stelle viene dato per sfanculare il Pd e il centrodestra, ma – quando bisogna arrivare a definire qualcosa di concretamente fattibile – l’inconsistenza delle risposte grilline si sente, si vede, si tocca. In vista delle prossime elezioni politiche questo può diventare un bruttissimo segnale. E sembra evidente che anche la lunga e non gloriosa trattativa sul “modello tedesco” ha in qualche misura appannato la credibilità “rottamatoria” dei nuovi arrivati sulla scena.

Ma più ancora che sui “programmi”, è sulla gestione interna che il movimento si è mostrato fragilissimo. Il cortocircuito tra formulazioni ideali (“uno vale uno”, “decide la rete”, ecc), atti concreti (Pizzarotti, Cassimatis, ecc) e funzioni di organi improvvisati (il “direttorio”) ha prodotto più caos che soluzioni. E i blog dell’area registrano quasi impietosamente la nullità strategica del figlioccio preferito di Grillo, ovvero di Luigi Di Maio, giovane plenipotenziario da Pomigliano d’Arco.

«Chi ha deciso la linea a Palermo e Genova deve assumersi le proprie responsabilità. E farsi da parte», «Paghiamo il distacco dalle lotte che ci hanno contraddistinto: ci siamo messi a mercanteggiare senza ottenere nulla, se non perdere credibilità tra chi ci sostiene»… Sono decine i post che segnalano un livello di critica interno che magari non produrrà ribaltoni nelle gerarchie, ma non semina certo fiducia sulle possibilità di espandere ancora il consenso intorno al movimento.

Il Pd non recupera granché, neanche dove le clientele sono storicamente solide. Mentre il centrodestra, altrettanto clientelare, là dove si è presentato unito è tornato “soggetto politico” di cui occorre tener conto.

Paradossalmente, dunque, la robusta frenata grillina rischia di scombinare i piani in vista delle elezioni politiche. In particolare la formazione “obbligata” di un governo Renzi-Berlusconi per “sbarrare il passo ai populismi”. Se la discesa grillina si dovesse confermare nei prossimi mesi, infatti, inevitabilmente i due schieramenti (Pd e Forza Italia) dovrebbero accentuare le differenze e porsi come “argine” l’uno verso l’altro, anziché verso il terzo incomodo (la Lega di Salvini, pare ormai assodato, è un’opposizione farlocca, buona per far fare bella figura a chiunque sia al governo).

In ogni caso, resta senza soluzione la “crisi della politica” in questo paese. Nessuno schieramento è credibile, nessuno possiede uno straccio di visione, nessuno fa quel che dice e viceversa. Se insomma in Francia l’establishment si è inventato un Macron, qui non riesce a trovare neanche un micron…

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh