badialetringali

Un passaggio non aggirabile

di Marino Badiale

img art 8498 17591. La casa editrice Jaca Book ha iniziato a pubblicare una collana di brevi testi intitolata ai “precursori della decrescita”. La collana è diretta da Serge Latouche, e ogni volumetto è formato da un saggio introduttivo e da una antologia di testi. Si tratta di una iniziativa che nasce a seguito di una analoga collana francese, sempre diretta da Latouche. L'uscita più recente della collana italiana è quella dedicata a Charles Fourier, uno dei più noti fra i “socialisti utopisti” del primo Ottocento. Il libro è curato da Chantal Guillaume, una filosofa che si interessa sia di Fourier (ha partecipato alla creazione della Association d'études fourieristes) sia di decrescita (ha fatto parte fa parte del comitato di redazione di “Entropia”, rivista dedicata appunto al pensiero della decrescita), ed è quindi senz'altro la persona più adatta per discutere sul tema “Fourier e la decrescita”.

Penso che una riflessione su questo tema sia un buon modo per discutere di un problema che mi sta molto a cuore, quello della creazione di un possibile nuovo movimento anticapitalista all'altezza dei problemi attuali, e del ruolo in esso del movimento della decrescita da una parte, e del pensiero marxista dall'altra. È noto che in genere i marxisti sono ostili, o quantomeno diffidenti, nei confronti della decrescita, ritenendo che si tratti di una realtà incapace di contrastare il capitalismo, o magari connivente con esso.

Io ritengo invece che il movimento della decrescita abbia importanti potenzialità anticapitalistiche, e che in ogni caso un eventuale futuro movimento anticapitalista, se mai nascerà, non avrà sicuramente le caratteristiche che immaginano i marxisti, ma sarà appunto o il movimento della decrescita o qualcosa che gli assomiglierà. Questo mi porta a guardare al movimento della decrescita con occhi diversi rispetto a tanti marxisti, senza nascondermi i suoi punti critici ma cercando, appunto, di metterne in evidenza le potenzialità anticapitalistiche. Una riflessione su “Fourier e la decrescita” può forse aiutare a chiarire tutto questo.

 

2. Per cominciare, ci si può chiedere quanto sia adeguata la presentazione di Fourier come di un “precursore della decrescita”. Ovviamente è molto difficile che in un pensatore morto nel 1837 si possano trovare risposte dirette ai problemi del mondo moderno e alle domande che si sviluppano all'interno di un movimento come quello della decrescita, che ha poco più di dieci anni di vita. La curatrice è in effetti molto attenta a non dare l'impressione di voler “iscrivere” Fourier al movimento della decrescita, e si limita quindi a indicare una serie di assonanze su alcuni temi: la critica al dominio dell'economia sulla società e alla crescita della produzione industriale come fine in sé, la richiesta di una produzione di beni non soggetti a rapida obsolescenza e in generale l'idea della produzione guidata dai bisogni e non dal profitto, le piccole comunità come fondamento della società futura. Fra le tante suggestioni possibili, a mio avviso un punto molto interessante del pensiero di Fourier è la sua lontananza da posizioni di tipo “moralistico-ascetico” che talvolta possono essere associate sia a un certo tipo di socialismo, sia a un certo tipo di ecologismo. Fourier non mira alla creazione di tipi antropologici del tutto nuovi, spogliati degli aspetti passionali dell'essere umano e dediti ad una vita di virtù altruistiche. Egli vuole non reprimere le passioni ma far sì che esse si possano esprimere in modi non distruttivi nei confronti degli individui e della comunità [1]. La stessa brama di ricchezza non è negata da questo strano rivoluzionario: nelle comunità che egli immagina non vige l'egualitarismo stretto, vi sono in esse differenze di ricchezza fra gli individui, che sono mitigate dal fatto di non essere così stridenti come nella società del suo tempo, e soprattutto dal fatto che a tutti è assicurato un alto livello di vita. La libera espressione delle passioni riguarda tutti gli aspetti della vita, anche l'alimentazione [2].Le forme concrete in cui Fourier immaginava tutto questo rappresentano, come è noto, l'aspetto più pittoresco del suo pensiero. La minuta organizzazione dei suoi “Falansteri” può oggi certo far sorridere, eppure ci sembra che abbia colto qualcosa di importante, rispetto a questo pensatore, Walter Benjamin, quando in una delle sue “Tesi di filosofia della storia” scrive, in un noto passo, che la concezione del lavoro di Fourier, contrapposta a quella positivistica della socialdemocrazia con cui Benjamin polemizza, è quella di “un lavoro che, lungi dallo sfruttare la natura, è in grado di sgravarla dalle creature che dormono latenti nel suo grembo”[3].Questo stesso passo di Benjamin può introdurci, io credo, verso una più attenta considerazione delle complesse problematiche cui ci porta l'accostamento del pensiero di Fourier con i nostri problemi. Infatti, questo “sgravare la natura dalle creature che dormono latenti nel suo grembo” può essere vista come la prefigurazione di un rapporto con la natura che cerca di non forzare le dinamiche di sviluppo naturale, ma anche, al contrario, come un'imposizione astratta di mutamenti squilibranti, come potrebbe essere oggi l'ingegneria genetica. È probabile che in Fourier si possano trovare spunti che portano in una direzione o nell'altra, e che questo sia tipico della sua posizione di iniziatore di un “nuovo mondo” di idee. Analoghe considerazioni si possono fare per molti altri aspetti del suo pensiero. Quando Fourier scrive che “noi desideriamo troppo poco” [4] è evidente, mi pare, che lo sviluppo di un simile pensiero può andare in direzioni molto diverse, sia nella direzione di una “abbondanza frugale” nella quale si desidera molto in termini di tempo libero e di relazioni umane, sia nella direzione di un consumismo nel quale si desidera molto ma in termini di ricchezze materiali. Queste ambiguità mi sembrano connaturate al pensiero di Fourier, al suo essere, come dicevo, un precursore che intravede molti possibili sviluppi futuri ma ancora in uno stato germinale, come potenzialità la cui attuazione può assumere aspetti e significati molto diversi.Per rispondere alla domanda iniziale, allora, potremmo dire che Fourier, senza forse essere a rigore un “precursore”, offre al mondo della decrescita alcuni spunti importanti di riflessione, pur di sapersi muovere nella complessità del suo pensiero con attenzione e cura, e senza nascondere la possibilità di spunti e interpretazioni che possono andare in direzioni diverse. Mi sembra che da questo punto di vista il saggio introduttivo di Guillaume sia molto equilibrato e sia quindi un buon punto di partenza per chi voglia riflettere su Fourier da questa angolatura.

 

 

3. Se cerchiamo adesso di approfondire queste riflessioni, credo sia interessante confrontarsi con quanto scrissero Marx ed Engels su Fourier, come pure sugli altri utopisti  suoi contemporanei (Saint-Simon, Owen). È noto che Marx ed Engels furono aspramente critici verso tutte le forme di socialismo utopistico, astratto, ineffettuale, a loro contemporanee, e che, anche per distinguersi da esse, coniarono per la loro concezione l'espressione “socialismo scientifico”. Ciò che mi sembra interessante per la nostra discussione attuale è il fatto che, aspramente critici verso gli epigoni, Marx ed Engels hanno invece giudizi più complessi, sfumati e articolati verso i grandi utopisti delle generazioni precedenti, appunto Fourier, Owen, Saint-Simon.Nel “Manifesto”, i nostri autori ascrivono fra i meriti degli utopisti sia quello di riconoscere “il contrasto fra le classi e l'azione degli elementi dissolventi nella stessa società dominante” [5] sia quello di “patrocinare nei loro progetti principalmente gli interessi della classe operaia” [6], mentre contemporaneamente ne rilevano i limiti, quelli appunto di delineare costruzioni utopistiche e fantastiche, spiegando tali limiti con l'arretratezza delle condizioni storiche, con “la forma non sviluppata della lotta fra le classi” [7]. La sintesi di questi giudizi di Marx ed Engels nel “Manifesto”, nel momento stesso in cui polemizzano con molte delle forme del socialismo a loro contemporanee, comprese quelle degli epigoni degli utopisti, è probabilmente il passo seguente: “questa descrizione fantastica della società futura corrisponde, in un momento in cui il proletariato è ancora pochissimo sviluppato, cosicché esso stesso si rappresenta in modo ancora fantastico la sua propria posizione, al suo primo impulso, pieno di presentimenti, verso una trasformazione generale della società”[8]. È evidente che si tratta di un giudizio molto diverso rispetto a quello, sferzante, riservato ai più tardi epigoni dei maestri del socialismo utopistico. Il socialismo dei primi utopisti ha cioè, nel giudizio di Marx ed Engels all'altezza del “Manifesto”, una sua necessità storica, rappresenta il primo impulso verso la trasformazione della società, e viene però superato dagli sviluppi storici, in particolare dallo sviluppo della lotta di classe e dal conseguente sviluppo del proletariato come classe cosciente.Trent'anni più tardi, Engels, nella parte finale del cosiddetto Anti-Dühring [9], esprimerà giudizi non troppo diversi [10]. Tracciando un rapido schizzo del socialismo utopistico, Engels mette in primo piano il fatto che il proletariato aveva, all'epoca degli utopisti, appena iniziato la sua evoluzione di classe indipendente. “All'immaturità della produzione capitalistica, all'immaturità della posizione delle classi, corrispondevano teorie immature” [11]. Una volta spiegato in questo modo il carattere immaturo e fantastico delle elaborazioni degli utopisti, Engels prosegue così: “una volta stabilito tutto questo, non ci fermeremo neanche un momento di più su questo lato che oggi appartiene completamente al passato” [12]. Criticando chi perda il proprio tempo a mettere in luce gli aspetti fantastici e immaturi nel pensiero degli utopisti, Engels afferma “noi preferiamo invece rallegrarci dei germi geniali di idee e dei pensieri che affiorano dovunque sotto questo manto fantastico e per i quali i filistei non hanno occhi” [13]. Dopodiché Engels si dedica appunto a mettere in evidenza gli aspetti creativi e progressivi delle elaborazioni di Saint-Simon, Fourier, Owen.Come possiamo allora riassumere il giudizio che Marx ed Engels danno degli utopisti del primo Ottocento? Da una parte, essi colgono con chiarezza ed elogiano gli spunti originali, creativi, progressivi di quegli autori.

Dall'altra ne evidenziano i lati fantastici e ineffettuali, il distacco dalla realtà che ne fa appunto degli utopisti. Il punto che mi preme adesso sottolineare è che i punti deboli degli utopisti sono certo considerati, da Marx ed Engels, come degli “errori” criticabili sul piano intellettuale: ma si tratta di errori necessari, indotti da una situazione di arretratezza degli sviluppi sociali, e che era necessario attraversare per arrivare ad una situazione più avanzata. Errori fecondi, si potrebbe dire. Il punto cruciale è che questo modo di interpretare la vicenda del socialismo utopistico è retto da una precisa interpretazione della storia [14]: Marx ed Engels vedono la storia del loro tempo da una parte come il dispiegamento sempre più esteso nello spazio e sempre più approfondito nella società del modo di produzione capitalistico, dall'altra come la progressiva presa di coscienza, da parte del proletariato, dei suoi interessi di classe e della necessità, arrivati ad un certo punto dello sviluppo delle forze produttive, della presa del potere e del passaggio al socialismo. È solo dentro a questa interpretazione storica che ha senso parlare di “immaturità” riguardo alla situazione del primo Ottocento, è solo di fronte all'evidenza della crescita della forza proletaria che Engels può nell'Anti-Dühring giudicare le elaborazioni degli utopisti apprezzabili documenti di un'epoca passata. Qui è in gioco quello che ritengo essere uno dei punti deboli di tutto il marxismo, cioè la tesi che lo sviluppo del modo di produzione capitalistico implichi lo sviluppo del soggetto sociale che rappresenta la base del superamento del capitalismo e del passaggio al socialismo. 

 

4. Arrivati a questo punto, possiamo provare a usare quanto abbiamo fin qui capito per una discussione sull'oggi. La riflessione su “Fourier e la decrescita” è secondo me interessante non solo per i contributi che il pensiero di Fourier può dare alle nostre discussioni, ma soprattutto per l'analogia che possiamo scorgere fra l'utopismo del primo Ottocento e il movimento per la decrescita. In entrambi abbiamo infatti, a mio avviso, la stessa commistione di idee importanti e originali e di strane fantasie, in entrambi abbiamo il tentativo di realizzare cambiamenti epocali attraverso piccoli gruppi (i Falansteri di Fourier e i monasteri del terzo millennio di Pallante), in entrambi vi è un certo distacco dal mondo della politica e delle concrete lotte degli interessi contrapposti, che è insieme causa ed effetto della difficoltà di impostare una efficace azione politica di cambiamento. Se questa analogia è valida, potremmo allora provare ad adottare, nei confronti della decrescita, l'approccio intellettuale che ebbero Marx ed Engels nei confronti del socialismo utopistico. Come abbiamo detto, esso si basava su una analisi della situazione storica del primo Ottocento confrontata con quella successiva, e su una precisa interpretazione della storia di quel periodo. Dobbiamo allora analizzare la nostra situazione attuale, e capire se l'interpretazione storica di Marx ed Engels sia valida ancora oggi. A me sembra, per rispondere su quest'ultimo punto, che di tale interpretazione sia venuto meno un punto fondamentale: l'idea cioè che lo sviluppo del modo di produzione capitalistico porti con sé lo sviluppo del soggetto sociale rivoluzionario, destinato quindi ad agire nella storia abbattendo il capitalismo e costruendo il socialismo. La storia dei circa 120 anni seguiti alla morte di Marx ed Engels ha dimostrato a mio avviso l'erroneità del loro assunto. Se questo è vero, viene meno uno dei punti fondamentali della loro giudizio storico sul socialismo utopistico, e possiamo allora mettere in evidenza forti analogie fra la nostra situazione storica e quella in cui hanno vissuto gli utopisti: siamo oggi probabilmente in presenza di un passaggio d'epoca (l'intrecciarsi di numerose crisi, della quali abbiamo parlato nel primo post di questo blog, è un indice di questo passaggio), come lo si era nel primo Ottocento, di fronte agli effetti della Rivoluzione industriale e della Rivoluzione Francese; questo passaggio provoca un attacco ai livelli di vita dei ceti subalterni, come successe con la creazione del proletariato industriale; e non abbiamo un soggetto sociale sul quale basarci per un'azione politica di contrasto alle forze distruttrici del capitalismo attuale (allora perché la moderna lotta delle classi era appena agli inizi, oggi perché non possiamo più credere al carattere rivoluzionario del proletariato).

In sostanza, la nostra situazione contemporanea sembra assomigliare di più a quella in cui si trovavano i primi utopisti che a quella in cui vissero e operarono Marx ed Engels, perché questi ultimi radicavano le loro elaborazioni in un movimento storico di crescita di un soggetto sociale che sembrava potere farsi carico dell'azione politica rivolta al superamento del capitalismo. I primi utopisti non avevano un tale soggetto storico “a disposizione”, e nemmeno noi. Se questa analogia è corretta, essa ci permette di capire, seguendo l'impostazione di Marx ed Engels, la necessità del fatto che le elaborazioni ideologiche che tentano di contrastare il dominio attuale, e di guardare ad una società migliore, abbiano alcuni dei caratteri di astrattezza e “fantasticheria” tipici dell'utopismo: esse potranno però anche contenere i “germi geniali di idee” dei quali parlava Engels.Le analogie storiche, ovviamente, non sono mai perfette. Da molti punti di vista la nostra situazione è diversa da quella del primo Ottocento. In particolare, si era allora all'inizio del processo di crescita del capitalismo, dal quale era lecito aspettarsi almeno la potenzialità di sviluppi positivi. Oggi stiamo assistendo ad una crisi dalla quale non sembra possibile scorgere, in questo momento, vie d'uscita che assicurino il mantenimento di fondamentali conquiste di civiltà. D'altra parte, un secolo e più di riflessioni e analisi su questa società del capitale ci permettono di capire molto meglio il suo funzionamento, rispetto a quanto era possibile a Fourier e Owen.A partire da queste considerazioni, quale dovrebbe essere allora l'atteggiamento di un anticapitalista nei confronti del movimento della decrescita?Si tratta di un movimento di pensiero e di azione ricco di aspetti diversi e anche contraddittori, e l'analisi fin qui svolta dovrebbe aver mostrato l'inevitabilità di tali caratteristiche. Poiché un movimento di resistenza anticapitalistica, nella situazione attuale, avrà sempre queste caratteristiche, il compito degli anticapitalisti dovrebbe essere quello di una “critica simpatetica”, cioè una critica che favorisca lo sviluppo delle potenzialità positive e contrasti gli elementi di confusione e regresso che sono inevitabilmente presenti in esso. Un approccio di questo tipo dovrà a mio avviso fare riferimento all'analisi marxista del modo di produzione capitalistico, che è l'approccio teorico nel quale meglio si può inquadrare la critica alla crescita come dogma (su quest'ultimo punto non mi soffermo ulteriormente perché esso è stato sviluppato in “Marx e la decrescita”).Per concludere, la tesi fondamentale che ricavo dal complesso di questa analisi è allora la seguente: di fronte al crollo epocale di ogni prospettiva di superamento del capitalismo sulla base di un soggetto sociale che sarebbe costituito all'interno del processo capitalistico stesso, e di fronte al carattere ormai distruttivo dello sviluppo capitalistico, ogni possibile futuro movimento culturale, sociale, politico anticapitalista avrà al suo inizio forti elementi di tipo “utopistico” che potranno rappresentare punti di partenza di sviluppi sia positivi sia negativi. Il passaggio attraverso una fase di questo tipo, che potrà presentare confusione teorica e ingenuità politica, è un passaggio non aggirabile, e la critica, da parte di un anticapitalista, agli aspetti confusionari e regressivi di tali movimenti deve essere impostata come una critica “interna”, rivolta a valorizzarne gli aspetti positivi, razionali, solidaristici. Assumere invece, nei confronti di movimenti come quello della decrescita, un atteggiamento di rifiuto complessivo equivarrebbe a “buttare via il bambino con l'acqua sporca” e poiché, nella situazione attuale, il “bambino” di un nuovo anticapitalismo sarà sempre, ripetiamolo, inevitabilmente accompagnato dall'”acqua sporca” di aspetti confusionari e regressivi, un tale atteggiamento di rifiuto equivarrebbe al rifiuto di ogni possibilità reale di costruzione di un movimento anticapitalista. È una scelta comprensibile per i filistei ciechi irrisi da Engels più di un secolo fa, ma non per chi voglia realmente contrastare la crisi di civiltà che il mondo attuale porta con sé.

_______________________________________________________________

[1] Lo scopo dell'ordine sociale propugnato da Fourier è “di conciliare le passioni, i caratteri, i gusti, gli istinti e le diversità di qualsiasi genere”. La citazione è tratta da Il nuovo mondo industriale e societario, un testo del 1829. Si trova alla pag.101 de Il socialismo prima di Marx, Editori Riuniti 1970, una antologia di testi del socialismo premarxiano curata da Gian Mario Bravo. Purtroppo non esistono molte traduzioni italiane delle opere di Fourier
[2] “le raffinatezze gastronomiche sono qui incoraggiate come motivi di saggezza”. Da Il socialismo prima di Marx, cit., pag.99
[3] W.Benjamin, Angelus Novus, Einaudi 1982, pag.82.
[4] Il socialismo prima di Marx, cit., pag.121.
[5] K.Marx, F.Engels, Manifesto del partito comunista, Editori Riuniti 1971, pagg.106-107.
[6] Ibidem
[7] K.Marx, F.Engels, op.cit., pag.108.
[8] Ibidem
[9] Si tratta di una serie di articoli, pubblicati sulla stampa socialista tedesca nel 1877, di critica alle posizioni di un intellettuale dell'epoca, Eugen Dühring. Gli articoli verranno raccolti in volume l'anno successivo. Il titolo originale del volume, evidentemente ironico, è “Il rovesciamento della scienza del signor Dühring”, ma il testo è universalmente noto come Anti-Dühring.
[10] Non intendiamo naturalmente fare qui una ricostruzione del complesso delle posizioni di Marx ed Engels rispetto al socialismo utopistico, per cui ci limitiamo a discutere due testi ben noti.
[11] F.Engels, Anti-Dühring, Editori Riuniti 1971, pag.275.
[12] Ibidem.
[13] Ibidem.
[14] Si potrebbe forse dire “da una precisa filosofia della storia”, ma per parlare di “filosofia della storia” scansando i molti equivoci che l'espressione porta con sé dovrei fare una lunga digressione, quindi preferisco evitare tale formula.

Aggiungi commento

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Codice di sicurezza
Aggiorna