Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

soldiepotere

Che si può fare con questa Europa

di Carlo Clericetti

 normal“Europa: quali regole rivedere (e come) per salvare l’Unione” era il tema del seminario che si è tenuto oggi 19 aprile alla facoltà di Economia di Roma 3, promosso da Astril e coordinato dal suo presidente Sebastiano Fadda. Nel frattempo  a Berlino Angela Merkel e Emmanuel Macron annunciavano che entro giugno avrebbero concordato una proposta per la riforma dell’Eurozona. Le indiscrezioni affermano che probabilmente non ci riusciranno, ma volendo fare gli ingenui ci sarebbe da chiedersi perché mai su una problematica di tale rilevanza questi due paesi ritengano corretto annunciare ufficialmente che si metteranno d’accordo tra loro, sottintendendo in pratica che tutti gli altri potranno al massimo tentare di proporre qualche modifica al quadro da essi disegnato. D’altronde l’Italia brilla per la sua assenza, e non solo perché non c’è ancora un governo nella pienezza dei suoi poteri. E’ bene ricordare che Germania e Francia non hanno dato finora nessun segno di voler fare beneficienza, in particolare nei confronti del nostro paese. Qui di seguito il mio intervento al seminario di oggi.

* * * *

Quando Sebastiano Fadda mi ha parlato di questo seminario ho pensato due cose. La prima, che questa fosse un’ottima iniziativa. E’ in corso un dibattito sulla riforma dell’Unione che dovrebbe essere varata entro il prossimo anno, le proposte di cui si discute avrebbero – se approvate – pesantissime ripercussioni sulla nostra situazione, ma in Italia di questo problema quasi non si parla: molto poco a livello di economisti, niente del tutto in ambito politico, dove ci si accontenta di dichiarazioni generiche per lo più di fedeltà all’Europa, come se qualsiasi altro problema fosse secondario e poco rilevante.

La seconda cosa che mi è venuta in mente è che il titolo di questo seminario è in un certo senso programmatico (come salvare l’Unione), mentre io lo avrei preferito più problematico: bisogna salvare l’Unione? A quali condizioni? E sono praticabili queste eventuali condizioni?

Il fatto è che quando abbiamo deciso di legarci all’Unione in un modo da cui è arduo tornare indietro, ossia quando abbiamo firmato il Trattato di Maastricht e aderito all’euro, per la gran parte degli italiani – e tra questa gran parte mi ci metto anch’io – non era abbastanza chiaro che cosa stavamo facendo. Lo era per la classe dirigente che a quell’adesione ci ha portato, persone come Guido Carli e Romano Prodi, per fare i nomi di due dei protagonisti principali. Che non ci avevano spiegato, però, che non stavamo solo facendo un passo utile al mantenimento della pace in Europa e a un miglior funzionamento dell’economia (e su questa seconda cosa c’è molto da discutere). Sono certamente obiettivi fondamentali , ma con Maastricht e l’euro noi stavamo facendo anche un’altra cosa altrettanto importante: stavamo aderendo a un modello sociale diverso dal nostro. E di questo non si è parlato affatto. Non si è discusso se il passo che stavamo facendo fosse compatibile con la nostra Costituzione, se elevare a principi inderogabili il controllo dell’inflazione, la concorrenza, il divieto per lo Stato di intervenire nell’economia, l’adesione a regole meccaniche – e peraltro arbitrarie – per ciò che riguarda la finanza pubblica, se tutto questo non comportasse mettere in secondo piano quegli altri principi che sono nella prima parte della nostra Costituzione: il diritto al lavoro, il diritto a una retribuzione dignitosa, il dovere per la Repubblica di rimuovere gli ostacoli che limitano di fatto l’eguaglianza dei cittadini. Senza dimenticare ciò che si dice già nel primo articolo, cioè che la sovranità appartiene al popolo: gli appartiene ancora?

Oggi che le conseguenze di quelle scelte si sono manifestate non si può eludere il problema: siamo d’accordo sulla scelta di quel tipo di modello sociale, diverso da quello prefigurato dalla nostra Costituzione, oppure no?

Ne consegue un’altra domanda. Se non siamo d’accordo, dobbiamo porci l’obiettivo di uscire non solo dall’euro, ma anche dall’Unione?

Qui possiamo tornare all’interrogativo posto dal titolo del seminario. Che cosa bisogna cambiare per salvare l’Unione? Solo che ora ce lo stiamo ponendo dopo aver delimitato il contesto in un modo diverso.

Le regole dell’Unione non si possono cambiare. Non si possono cambiare perché qualsiasi modifica dei Trattati richiede l’unanimità, e pensare di raggiungerla su modifiche che si proponessero di trasformare il modello sociale di Maastricht è semplicemente irrealistico. E’ stato da poco diffuso un documento di otto paesi del nord e dell’est che boccia persino i modesti aggiustamenti, che nulla cambierebbero delle linee di fondo, proposti dalla Francia, e riafferma che devono essere rispettati in pieno i parametri sulla finanza pubblica.

La riforma della governance europea di cui si sta discutendo finge di essere un dibattito su come arrivare alla condivisione dei rischi finanziari. L’unione bancaria prevedeva che si realizzasse un fondo europeo di garanzia dei depositi, che non è mai stato realizzato perché alcuni paesi – Germania in primis – paventano di dover pagare per i dissesti altrui. Naturalmente non dicono ai loro cittadini che finora a pagare per i dissesti altrui è stata l’Italia, che ha partecipato al fondo che ha socializzato i crediti inesigibili delle banche francesi, tedesche e olandesi con la Grecia e ha finanziato le ristrutturazioni bancarie spagnola, portoghese, irlandese e cipriota. Si guarda ai potenziali rischi futuri e si afferma che è necessario spezzare il legame tra rischio bancario e rischio sovrano, dovuto al possesso di titoli pubblici del proprio paese da parte delle banche.

Ora, lasciando da parte il fatto che il rischio sovrano è dovuto a eventuali incertezze sulla permanenza nell’euro, come si è visto nel 2011-12, questa “condivisione dei rischi dopo la riduzione dei rischi” ricorda tanto la flexsecurity: intanto facciamo la flessibilità, poi penseremo alla sicurezza. Si è visto come è andata a finire.  Ma il problema è soprattutto un altro: la via individuata per separare il rischio sovrano dalle banche, ossia limiti al possesso di titoli nazionali e attribuzione di un coefficiente di rischio presumibilmente uguale al rischio-paese, è tale da far concretizzare quel pericolo di crisi che invece oggi è assai remoto; e comunque provocherebbe alle nostre banche drammatici problemi per rientrare nei ratios di vigilanza, mentre il mercato verrebbe inondato dai nostri titoli di cui devono disfarsi provocando, in questo modo sì, una crisi del debito. Non avrebbero invece problemi le banche tedesche e francesi, paesi i cui titoli sono valutati come sicuri.

E’ esattamente l’opposto di una strategia sensata: la condivisione del rischio farebbe sì che il rischio non ci fosse più, come ha platealmente dimostrato il “whatever it takes” di Mario Draghi. Ma è una frase che un tedesco non avrebbe mai pronunciato e le riforme prefigurate dal documento della Commissione, ma anche dall’intervento dei 14 economisti tedeschi e francesi, seguono appunto la logica “tedesca”.

Di riforme di altro tipo, sia riguardo al problema dei debiti pubblici, anche senza trasferimenti di risorse tra paesi, sia di strumenti per dotare l’Unione di una capacità fiscale o di strumenti per stimolare la crescita, ne sono state proposte innumerevoli. Nessuna di queste è stata presa in considerazione. E’ quindi chiaro che il problema non è né tecnico né economico, ma puramente politico. Viene rifiutata qualsiasi iniziativa non solo tesa ad utilizzare l’intervento pubblico come stimolo dell’economia, ma ancor di più se avrebbe l’effetto di alleviare il peso degli aggiustamenti richiesti per i paesi più in difficoltà. Devono essere tenuti sulla corda, sempre sotto la minaccia di qualche crisi, in modo che attuino le mitiche “riforme strutturali” che altrimenti sarebbero difficili da far approvare. Che questo provochi, una tornata elettorale dopo l’altra e in tutti i paesi membri, una crescita delle forze politiche che si oppongono a questo sistema, viene del tutto ignorato. Nel frattempo viene permessa una concorrenza fiscale che erode le risorse necessarie al funzionamento degli Stati e si fa procedere la privatizzazione degli istituti del welfare e dei servizi pubblici.

Una implosione dell’Unione non si può escludere. La causa scatenante può essere politica, cioè il prevalere di forze anti-sistema in uno o più dei paesi membri, oppure una nuova crisi finanziaria che forse il prossimo presidente della Bce non saprebbe padroneggiare come è riuscito a Draghi. Ma non si possono escludere nemmeno motivi di politica internazionale. Abbiamo appena assistito a una iniziativa militare della Francia sulla Siria, non concordata e nemmeno discussa a livello europeo. Il che, tra l’altro, dimostra che il progetto di difesa comune al momento può al massimo servire a qualche accordo in campo industriale, ma è totalmente privo di una base politica.

In questa situazione, continuare ad inventare le ennesime soluzioni tecniche evidentemente non serve. Fondamentale sarà bloccare le modifiche ai trattati suscettibili di danneggiarci. A proposito della disciplina del bail-in, un esponente del maggiore partito di governo raccontava che l’Italia aveva resistito, “ma poi, alle 3 e mezza di notte, abbiamo dovuto cedere”. E perché mai? Per non fare brutta figura? Se è così, in futuro dovremmo essere capaci di fare figure anche bruttissime, ma di certo non accettare accordi a nostro sfavore. Vari paesi, in passato, hanno utilizzato la formula dell’opt-out rispetto ad accordi anche molto importanti, dall’adozione dell’euro (l’avessimo fatto anche noi!), al Fiscal compact, a Schengen. Il Regno Unito era campione europeo di opting-out, per esempio. Sarà bene tener presente questa possibilità.

Quello che bisogna fare è cercare di riguadagnare gradi di libertà, dove possibile e ogni volta che sia possibile. Sottoporre al vaglio costituzionale le decisioni europee prima di recepirle nella nostra legislazione: lo fa la Germania, non si vede perché noi no. Porre con forza il problema di un minimo di armonizzazione fiscale, mettendo fine alla concorrenza scellerata su chi fa pagare meno tasse alle imprese (e ai ricchi). Fare una nostra politica, quella che riteniamo più corretta, anche se questo dovesse farci entrare in conflitto con le regole europee, sia quelle del Fiscal compact, sia altre emanate con direttive che riteniamo sbagliate. Certo, tutto questo si può fare se avremo un governo serio, che avvii una politica economica coerente e che non butti i soldi dalla finestra.  E questa, in una situazione di per sé difficile, è forse la cosa più difficile di tutte.

Questa Unione difficilmente sopravviverà. Se si vuole salvare l’idea di Europa, come è assolutamente auspicabile, bisognerà trovare un modus vivendi diverso da questo basato sul dirigismo tecnocratico e sui divieti, un sistema di convivenza che non imponga un unico modello sociale e non pretenda che in una associazione di uguali ci sia qualcuno più uguale degli altri.

Pin It

Comments   

#1 clau 2018-05-01 14:47
Da profano mi pare un ottimo intervento, che tra le righe solleva molti problemi. Il primo problema che emerge è l’inadeguatezza della classe dirigente italiana nel suo complesso, di quella politica di ieri e di oggi, ma anche di tutte le altre. Tali inadeguatezze presumo siano dovute al fatto che ogni dirigente ha pensato e pensa soprattutto agli affari suoi, per miserevoli e meschini che siano, e non a quelli del paese, come dovrebbe. Tale biasimevole comportamento è purtroppo una caratteristica che possiamo ritenere dovuta al nostro Dna di paese di “furbi”. Infatti, la Repubblica si è data una pomposa Costituzione, che in fatto di diritti sociali delle classi più deboli, sono in gran parte rimasti sulla Carta, e quindi di fatto il Paese è stato fondato sui privilegi riservati all’elite di stato e privata, largamente integrati da corruzione ed evasione fiscale raramente punite, da un lato, e sulle basse retribuzioni e gli aiuti di stato, dall’altro. Tale politica non ha spinto alla ricerca del bene del paese, ma all’incremento di tali privilegi, tant’è che l’alta burocrazia statale, a cominciare dalla presidenza della Repubblica, della Banca d’Italia e così via, hanno remunerazione molto più elevate dei pari grado degli altri paesi più sviluppati, del tipo di Usa e Germania, continuano ad persistere migliaia di enti inutili, in gran parte col solo consiglio d’amministrazione, per poter dare lauti stipendi ai politici trombati e ai sindacalisti nazionali decaduti, nonostante che sia stato introdotto il sistema pensionistico contributivo, continuano ad sussistere migliaia di pensioni d’oro calcolate col metodo retributivo e migliaia di incomprensibili vitalizzi, i presidenti e gli amministratori delegati delle aziende italiane quotate, pur essendo mediamente molto più piccole di quelle degli altri paesi, sono i più pagati al mondo dopo gli svizzeri. Grazie agli aiuti di stato, ai bassi salari e all’integrazione di corruzione ed evasione fiscale raramente perseguite, le aziende non hanno avuto bisogno d’essere concorrenziali per realizzare lauti profitti, così non hanno fatto ricerca, non si sono ammodernate e non hanno cercato di ampliarsi. Dall’altro lato, i bassi salari hanno atrofizzato i consumi, quindi il mercato interno, la produzione e la produttività del lavoro. Cosa questa che ha nuociuto in modo relativo fino a quando si è sviluppata la globalizzazione, che ha esasperato e reso assai evidenti i problemi. Visto che l’Italia e gli altri paesi del sud Europa non hanno ridotto minimamente le loro ataviche negatività, perché dovremmo poter pretendere solidarietà dai paesi europei del centro/nord Europa? C’è un vecchi proverbio che dice: aiutati che il ciel t’aiuta. Il che significa che prima di poter pretendere aiuti dagli altri dovremmo saper dimostrare che sappiamo fare con serietà la nostra parte, il che non è avvenuto. Con la politica dell’austerità a senso unico abbiamo infatti seguito la stessa maleodorante prassi d’imporre sacrifici soltanto alle classi più disagiate. Certo, sarà difficile che l’Europa riesca a riformarsi, e visti i numerosissimi gravi problemi che l’assillano, è probabilmente più facile che si disintegri. In tal caso per l’Italia e la sua liretta saranno maggiori dolori, in quanto dovrà pagare salati interessi sui debiti pubblici e privati, dovrà pagare di più le merci importate a partire dai prodotti energetici, le eventuali e da molti auspicate svalutazioni monetarie, colpiranno pesantemente salari e pensioni, si dovrà fronteggiare una concorrenza sempre più agguerrita e spietata, probabilmente saremo in balia della speculazione sempre in agguato. Insomma, la situazione attuale non è per niente favorevole al paese, ma domani potrebbe essere ancor peggio.
Quote

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh

0
0
0
s2sdefault