Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

mondocane

Roma-Damasco, caccia alla volpe

Le parti in commedia dei russi. La fiction splatter di Amnesty

di Fulvio Grimaldi

Se vi infastidiscono le elucubrazioni su media e Virginia Raggi, potete saltare subito al capoverso: Dal Campidoglio in coma vigile alla Siria, viva o morta.

caccia ridonoCani fatti killer, uomini fatti giornalisti

Da quando avevamo raccolto nei boschi di Teuteburgo quel bassottino selvatico di nome Lumpi (monello) e insieme a lui, nel paese di Dresda, avevamo scansato le mitraglie degli Spitfire britannici, dribblato le bombe dei Mustang statunitensi, mentre magari stavamo raccogliendo ortica lungo i fossi per una cena tra il 1944 e il 1945, ho sempre vissuto con cani, della nobilissima specie dei bassotti a pelo ruvido, specialisti della lotta contro gli altotti, fino a entrarci in simbiosi affettiva e intellettuale, dunque politica. Posso perciò affermare con una certa competenza che tutti i cani, per natura nascendo di branco, cioè inseriti in un collettivo, sono buoni, sociali e socievoli, collaborativi, rispettosi dell’armonia e dell’utile comunitari. Il che li rende la specie animale più vicina a quella umana. Quanto meno a quella umana prima del degrado subito da una sua limitata, ma decisiva, quota.

Addestrati, violentati nella loro identità originaria, educati male, i cani diventano strumenti di umani degenerati che li pretendono delittuosamente, come dio con gli uomini, a loro immagine e somiglianza. E arriviamo ai rottweiler aggressivi, ai pitbull da combattimento, perfino ai jack russell mordaci, interfaccia di poliziotti che picchiano, forze speciali che torturano, energumeni da rissa che inseguono modelli di videogiochi, politici che sterminano, padroni che ingrassano sul dimagrimento dei dipendenti.

Succede così a varie categorie umane. Ne prendo in esame quella che conosco meglio perchè ne faccio parte: i giornalisti. Quello che succede ai cani, di loro natura buoni, ma resi aggressivi a forza di violenze, sofferenze e ricatti affettivi, succede ai giornalisti quando, usciti dai banchi di scuola e di università con il degno e generoso desiderio di sollevare le sorti del genere attraverso una corretta ed eticamente finalizzata informazione sulle cose e le persone del mondo, entrano in una redazione. Quello che vien fatto ai cani con la frusta e il biscotto, a loro viene comminato con la carota della carriera e il bastone della disoccupazione.

Per cui molti, quelli che non fuggono in nicchie cartacee o di rete, si fanno pitbull, rottweiler, jack russell di servizio e d’attacco. Da noi il 99%, come ci dice chi compila la classifica mondiale delle peggiore stampa e come ci evidenziano i fatti di questi giorni attinenti vuoi a Virginia Raggi, vuoi a Donald Trump, al cospetto dei quali la categoria ringhia, azzanna, prova a uccidere.

 

Cosa, o chi, hanno in comune Virginia e Donald

L’accostamento della delicata sindaco di Roma al bombastico neopresidente Usa è del tutto improprio. Se non per quanto accomuna fra loro le belve che gli si avventano contro: un curriculum infinitamente peggiore di quello delle prede puntate. Di Trump, che si crede uno Zeus dipinto dai cartoonisti giapponesi mentre lancia fulmini e saette su bersagli a proposito e, sempre più, a sproposito, potremo occuparci un’altra volta. Quello che impressiona è il patto d’acciaio che unisce in un unico branco, all’attacco della stessa vittima, i sedicenti leftisti sorosiani del “manifesto” e i palazzinari suolofagi del “Messaggero”, la crème dell’intellettualità gauchista e il guano dei revanscisti cripto-nazisti, la borghesia liberale arteriosclerotica e il pimpante bifolchismo renzista, l’aristocrazia pennivendola in livrea di “Corriere”, “Stampubblica” e il sottoproletariato da Curva Sud coltivato dai gazzettieri dei padroni del calcio, gli schermi unificati Raiset, compreso l’insopportabile borgataro narcisista, ironico di corte, Zoro (Diego Bianchi), fino ai parzialmente eterodossi dall’eschimo di raso del “Fatto Quotidiano”, con i suoi cavalli di razza talmudisti Colombo, Coen e Disegni (quest’ultimo, chihuahua da caccia e reperto del sofriano “Cuore”, esibisce una desolante assenza di talento figurativo con ossessivi scarabocchi anti-Raggi nella penultima del quotidiano, in livorosa polemica con le arguzie e i dati di fatto con cui il suo direttore, invece, sbertuccia e affonda i colleghi in missione anti-Raggi).

 

Sussurri e grida

Rivelatrice, più di molte altre loro nefandezze, tipo, tanto per dire, quelle dello Stato biscazziere e baro che apre mini-casinò in tutti i quartieri per la migliore salute mentale e contabile degli italiani, è la corrispettiva discrezione assoluta nei confronti di un ministro come Lotti, indagato per aver spiffero ai de cuius, insieme al comandante supremo dell’Arma nei Secoli Fedele, che, rasentando il papà di Renzi, si stava indagando su una gigantesca corruzione relativa al più grande appalto pubblico europeo in carico alla Consip, da 2,7miliardi. E analogamente tutto tace sulle indagini, di ben altro peso, che concernono il sindaco Sala di Milano, il personaggetto De Luca della Campania Infelix, la catena di Sant’antonio di sindaci, parlamentari e amministratori vari PD e NCD sotto la ferula di magistrati fuori dalla nebbia romana.

La similitudine che balza alla mente è quella della caccia alla volpe, non per caso cara alle Elisabette Prima e Seconda: la muta dei cani addestrati a lacerare la gola e sbranare le carni perché le cavallerizze possano poi esibirsi in società, ornate delle vaporose code della creatura ammazzata. Giornalisti come cani da riporto. E sono quelli che, ricevuta e capita la scudisciata dalla Boldrini, uggiolano, guaiscono, latrano e ringhiano, a seconda della stazza, contro quelli delle fake news: sublimazione di una pratica divenuta di questi tempi il vero spirito del tempo negli ambienti della criminalità organizzata di palazzo: da buoi, con piramidali strutture in testa, dare del cornuto all’asino.

Negli incubi notturni del signorotto a caccia di volpi, a dispetto dei suoi paramilitari a quattro zampe e del destriero che gli assicurano immunità dalle bestie feroci, non può non materializzarsi un contrappasso: l’assalto alla gola di una torma sconfinata di volpi. Per cui, con maggiore furia, la mattina dopo si avventerà a fare della strage la cancellazione del sogno. E, similmente, cosa credete, che a scatenare la caccia non sia il terrore di un domani in cui Roma, strappata alle fogne palazzinare e mafiocapitaliste e alle pantegane che ci sguazzavano, e l’Italia tutta, sottratta all’oligarchia mafio-massonico-vaticana, e magari anche l’Unione Europea decapitata, monetizzata e populistizzata, cadano in mano a chi non ruba, truffa, turlupina, impastocchia, o non capisce un cazzo?

 

Cazzate vere e panna montata: far fuori la volpe

Inutile entrare nei particolari dell’opera della giunta 5 Stelle, tra cazzate fatte e iniquità attribuite. Tuffiamoci nella panna montata e avvelenata di una magistratura romana di cui, fin dai tempi di Gallucci, Carnevale, Capaldo, del famigerato “porto delle nebbie”, si pensa andreottianamente male, più che mai quando sa combinare, in perfetto sincronismo (un messaggio? Una garanzia?), l’archiviazione per 113 personaggi di mafiacapitale, tra cui le eccellenze Alemanno e Zingaretti (avvalsosi della facoltà di non rispondere, roba per cui dai 5 Stelle si viene cacciati), con l’ennesimo abuso d’ufficio alla Raggi. Corredato da interrogatori che per forzature ambientali e temporali sarebbero degne di un Totò Riina. Qui la sintonia tra Procura e media è quasi commovente, da parenti stretti a Natale. Sul piano generale c’è quella paura ghiaccia di chi teme di vedersi abbassata la saracinesca della pasticceria. La stessa che pervade gli anti-Trump. Ma se, nel primo caso, la pasticceria, con i Cinque Stelle, promette di restare chiusa, nel secondo si prevede già la sostituzione dei produttori e consumatori).

Nello specifico, è la vendetta ex-post per l’abbuffata delle Olimpiadi negata e quella ex-ante per i 700mila metri cubi di cemento che gli speculatori di passo Goldman Sachs, Rothschild, Fiat, Unicredit e quant’altro, noti benefattori dell’umanità, vorrebbero, tramite il palazzinaro Parnasi, aggiungere ai 100mila del nuovo stadio senza la quale la Roma dei maestri urbanisti Totti e Spalletti e l’Italia delle frane e alluvioni e dei 35 ettari di suolo cementificati ogni giorno, non potrebbero sopravvivere. Per me, Raggi e compagnia per ora alla capitale non hanno fatto nulla di male. Quello che hanno fatto di scombiccherato è noto. Quanto di buono, è finito nei cestini di redazione. E, comunque, quello che sono riusciti a fare (vedi l’elenco di Grillo), l’hanno fatto aggirandosi per i caveau svuotati dai predecessori (dalla Procura romana archiviati) a trovare tra le fessure qualche decino smarrito da tapparci le buche. Ora stanno all’hic Rhodus hic saltus: sotto una pressione da mille megapascal della canea di regime,lasciare che i predatori di sempre incistino in quel che resta dell’agro romano grattacieli, centri commerciali, residenze e uffici per quasi un milione di metri cubi, lasciando andare tutto il resto in malora, per far contento il tentacolo italiano della piovra necrofora Rothschild-Goldman Sachs e i suoi botoli da guardia, o resistere, resistere, resistere.

Avevamo pensato di accendere un cero a San Paolo Berdini, urbanista integro e cosciente, ma con quello che è successo tra la sindaco e il suo assessore, con quest’ultimo che si fa estrarre da un manigoldo della “Stampa” palle di fuoco incatenate contro la sua capa, alla vigilia della battaglia finale sul carcinoma speculativo di Tor di Valle, pare che in Campidoglio stanno a sbrocca’ un po’ tutti. Non resta che l’esorcista.

 

Dal Campidoglio alla Siria, viva o morta

Allunghiamo lo sguardo, superiamo il canale di Sicilia, viriamo a destra, non perdiamo d’occhio ciò che appare all’estrema destra, tra Libano e Gaza (vedi dopo), e arriviamo in Siria. Lì le cose, per Amnesty International, non vanno per niente bene. Il “manifesto” che, oltre ad avere setole sullo stomaco, è comunque in sintonia con questa dependance CIA, facilitatrice di guerre del Pentagono, ne ha recensito il più recente rapporto, limitandosi a una lieve meraviglia per l’enormità delle cifre vantate, giusto per non sconcertare quel che resta del suo pubblico, boccalone, ma di sinistra. Trattasi invece dell’ennesima mostruosa bufala al curaro contro Damasco, dopo quelle in cui si delirava su decine di migliaia di detenuti torturati a morte, dei 270mila di cui 100mila bambini (sic) ad Aleppo Est bombardati e affamati a morte da Assad (erano 60mila e i terroristi li mitragliavano se tentavano di uscire). In Libia ci aveva deliziato con la storia della donna di Bengasi che aveva saputo di migliaia di stupri compiuti dai soldati di Gheddafi, ma poi non aveva saputo indicare neanche una vittima agli investigatori onesti. Solo per dirne una delle nefandezze di questa banda governata da emissari del Dipartimento di Stato. E finanziata da Soros e affini.

 

Un’organizzazione umanitaria ansiosa di sfracelli

Anche stavolta la certezza di essere sostenuta dall’universo delle presstitute, l’enormità dell’accusa è inferiore solo alla faciloneria con cui vorrebbe essere corroborata. Dal 2011 al 2015 nella sola prigione militare di Saydnava sarebbero stati impiccati e/o strangolati tra i 5000 e i 13.000 detenuti (che per le zoccole più volenterose, tipo l’Associated Press, diventano “oltre 13mila”). Già la distanza tra l’ipotetica cifra minima e l’ipotetica massima dà la misura della precisione scientifica. Le fonti? Anonime e rastrellate tra disertori e oppositori in campi profughi turchi, o tramite telefono ed email in giro per il mondo. Le vittime? Anch’esse anonime, tranne ben 36. Le prove? Qualche compagno prigioniero, posando l’orecchio sul cemento della sua cella, ha sentito “gorgogliare”. Vi risparmio le altre stronzate del rapporto. Divertitevi e raccapricciate a leggerlo: è intitolato, autentica fiction splatter, “Il mattatoio umano” (The Human Slaughterhouse).

Il parallelo tra la caccia alla volpe scatenata contro la quanto meno sprovveduta Virginia Raggi e la sua giunta, ma anche contro l’inqualificabileTrump, e quella contro Assad e il suo paese, vi sembrerà blasfemo, ma ha la sua valenza tecnica: capocaccia, cacciatori e cani espropriati della propria identità e funzione e addestrati al killeraggio da e per il padrone, sono gli stessi in tutte queste battute. E il corno per il via alla battuta suonato dalla Procura romana con gli evanescenti abusi d’ufficio, equivale, si parva licet…, a quello di Amnesty col suo rapporto farlocco. Si punta a radere al suolo chi blocca ruspe e appalti e a far risorgere gli antichi appaltanti e appaltati. Non solo a Roma. Con il benefico effetto collaterale di un trambusto intorno al topolino del Campidoglio che distolga dai ratti che infestano il paese. Così si punta a finire il lavoro sulla Siria, prima che l’imprevedibile nuovo presidente ne pensi e faccia una strana. Come insisto a dire a chi mi rimprovera di occuparmi di orizzonti lontani: tout se tien.

 

Il falso e il vero di Amnesty

A cosa serve la tromba di Amnesty? Cosa deve coprire, compensare, da cosa deve sviare?

1) Il succedersi, dopo il trionfo di Damasco che ha capovolto l’intera vicenda, di vittorie dell’esercito siriano, con i suoi alleati hezbollah, iraniani e russi, ora alle porte di Idlib e Al Bab, grandi e strategici centri nel nord-ovest, e in avvicinamento a Palmyra e Deir Ezzor, che promettono di essere liberate. Dopodichè ai terroristi di ogni denominazione, compresi quelli curdi e turchi, non resta che il deserto a est e la cosiddetta “safe zone” al confine turco.

2) La violazione degli accordi di pace di Minsk e il rinnovato assalto degli ucronazisti alle repubbliche liberate del Donbas, con relativi eccidi di civili nei centri abitati, lanciato per incastrare Trump in una situazione di non ritorno. Su questa strategia viaggiano uniti i neocon, McCain, Soros e Amnesty.

3) il criminale disastro dell’incursione diretta USA in Yemen, prima operazione bellica del neopresidente “distensivo”, culminato nella la strage di una trentina di civili tra cui almeno 9 bambini e i contemporanei successi dei patrioti Huthi che, non sopraffatti dopo due anni di bombe, jihadisti e blocco alimentare, con missili hanno colpito la base militare accanto a Riad e la nave ammiraglia saudita nel Mar Rosso.

4) Il tentativo degli ultrà di Netaniahu, analogo a quello dei loro camerati di Kiev, di mettere Trump davanti al fatto compiuto, aumentando ed accelerando a livelli parossistici lo spezzettamento della Cisgiordania con l’incistamento su terre private palestinesi, garantite dagli accordi di Oslo, di migliaia di nuove abitazioni, anche in Gerusalemme Est e con nuove colonie, tutte da affidare a 4000 nuove SA di Lieberman che ossessivamente ripete il dogma divino:”Tutta questa terra è nostra perché ci è stata data da dio”. E mentre quanto la criminalità sionista e internazionale ha lasciato ai palestinesi si sbriciola e scompare, Mahmud Abbas, e i suoi soci in raccolta di briciole, promette di mantenere la “sicurezza congiunta” con la Gestapo israeliana. E la lobby, cosa fa la lobby? Quella che anatemizza i muri e perora l’accoglienza di tutti i “rifugiati”, fossero anche milioni, per la gloria del “multiculturalismo” e del “meticciato”? Nella sua Terra Promessa proclama lo stato etnico dei soli ebrei ed erige muri di 8 metri sia contro gli autoctoni, sia contro i “rifugiati” dal Sinai.

5) Last but not least, le atrocità inventate dai facilitatori imperialisti di Amnesty servono a coprire le voci soffocate provenienti da temerarie Ong dei diritti umani (tipoB’Tselem, Addameer, Defence for Children International) e da giornali come Haaretz della stessa Israele, sulle torture istituzionali, vere e provate, che da decenni subiscono, insieme ai padri, i figli minorenni del popolo derubato. E qui, invece, si tratta di soggetti con facce, corpi, nomi e date dei quali a una magistratura non dissimile da quella di Roma sono stati esibite la prove dei metodi di interrogatorio: bastonate sugli organi sensibili, corpi con piedi e polsi ammanettati piegati sullo schienale della sedia o costretti in piedi al muro per ore, privazione del sonno, violenze sessuali, minacce di morte ai famigliari, strangolamenti, isolamento perpetuo. Oggi 6000 palestinesi sono chiusi in carcere, di cui 200 bambini e 25 donne (per le quali nessuna marcia mondiale delle donne). Il 20% degli abitanti dei territori occupati sono passati per il carcere. 207 ne sono usciti morti. Questo in aggiunta all’aberrazione giuridica che è la detenzione amministrativa, in Irlanda del Nord detta Campi d’Internamento. Vi finiscono circa un migliaio di palestinesi, anche minori ogni anno, sena imputazione, difesa, processo, sentenza. Ma è della fittizia esecuzione extragiudiziale di tra 5000 e oltre 13mila detenuti siriani che si occupa Amnesty International.

 

Piedi russi in tutte le staffe?

Mi rimane da dire di un tormentoso dubbio che alita sul mio sostegno alla Russia e a Putin per la favolosa svolta storica che ha imposto in Medioriente e nel mondo. Su Al Bab stanno convergendo, in evidente gara di chi arriva primo, siriani lealisti e turchi accompagnati da “ribelli” siriani filoturchi (un animale nuovo, probabilmente virtuale, un ircocervo come i siriani che i curdi dicono inseriti nelle loro “Syrian Democratic Forces”). I primi per restituire alla patria il maltolto da Isis e Al Qaida (rinominata Al Nusra e Fateh Al Sham), i secondi per impedire ai cantoni curdi di congiungersi e per consolidare la striscia occupata detta “zona di sicurezza” turca che probabilmente pensano di annettere definitivamente. E i russi? Operano verso Al Bab insieme agli alleati siriani tradizionali in vista del recupero di territori sottratti. E operano con i nuovi alleati turchi nelle incursioni su Al Bab? Stupefacente? Contradditorio? E se un Sukhoi in compagnia degli F15 turchi incontra un Sukhoi affiancato da Mig siriani? Non solo, hanno proposto a Damasco una nuova Costituzione Federale, con dentro una “entità” curda per i cazzi suoi. Proposta ovviamente respinta al mittente con un buon grado di mimetizzata indignazione. Aleggia sulla Siria lo spettro della spartizione programmata dai suoi nemici storici. E la Russia che fa, asseconda?

Captatio benevolentiae nei confronti di chi? Di Trump che promette dialogo ed equilibrio, forse ferma Kiev, ma minaccia morte e distruzione a Tehran? Dei curdi da sottrarre al mercenariato Usa? Di Erdogan che ha appena siglato l’accordo per il Turkish Stream con tubo sottomarino che si divarica poi per portare gas nella Tracia turca e inoltrarlo agli europei? Aspettiamoci una chiarificazione rassicurante. Siamo fiduciosi.

Un saluto alla volpe.

fShare
0
Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh