Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

carmilla

Il nome della Cosa

di Alessandra Daniele

“Nessuno si fida più di nessuno ormai,
e siamo tutti molto stanchi” – John Carpenter’s The Thing, 1982

Berlusconiane nello spirito e nella lettera, tutte le mirabolanti promesse elettorali di questa campagna hanno una fondamentale caratteristica in comune: sono tutte cazzate.

È così evidente che persino i media mainstream a modo loro lo ammettono: “Non ci sono le coperture finanziarie”.

La copertura delle cazzate che manca però non è solo quella economica. Ad essere crollata ormai è proprio la facciata mediatica.

È l’effetto Trump/Fake News: media e sistema politico si stanno smascherando a vicenda, distruggendosi reciprocamente la credibilità residua, e tornare indietro è impossibile.

Gli italiani che voteranno lo stesso, perlopiù voteranno contro.

Chi odia particolarmente Renzi e Berlusconi voterà M5S, nonostante i riciclati araldi del berlusconismo che il Movimento sta imbarcando, Emilio Carelli, co-fondatore del TG5, ex direttore di SKY Tg24 e vicepresidente di Confindustria Radio TV, Gianluigi Paragone, ex direttore di Libero e della Padania.

Chi teme particolarmente i 5 Stelle però difficilmente voterà i candidati del PD che hanno ben poche possibilità di battere quelli grillini, sceglierà piuttosto Berlusconi e Lega, i cosiddetti moderati che vogliono riaprire i casini e difendere la “razza bianca”.

Il PD si ritroverà quindi penalizzato dallo stesso meccanismo di “voto utile” che progettava di sfruttare, la tipica Nemesi toccata a tutti quelli che hanno provato a cucirsi la legge elettorale su misura fregandosi con le loro stesse mani, e l’ennesimo fallimento di Capitan Boomerang Renzi.

Di tutti i presunti voti utili, i più inutili saranno quelli antiberlusconiani dati al PD, che non ha nessuna speranza di tornare al governo senza Berlusconi, per questo si augura che il risultato sia talmente incerto da consentirgli di lasciare al suo posto Gentiloni, come nel 2013 aveva tentato di fare con Monti, sostituendolo poi con Letta e Renzi.

Intanto i Liberi e Uguali hanno esplicitato chiaramente la loro ragion d’essere: “Non possiamo riportare i voti al PD se non stiamo fuori dal PD” (Elisa Simoni, Omnibus, 18/01/18).

Dopo tutte le porcate reazionarie delle quali il PD s’è reso responsabile, ci sono voti di sinistra che ovviamente non prenderà mai più. Gli serve perciò qualcuno che li raccolga e glieli riporti, magari in cambio d’un sottosegretariato nel governo del Presidente previsto da D’Alema. È la Sinistra da riporto.

La principale responsabile, con tutto il PD e i suoi omologhi esteri, d’aver fatto del nome “Sinistra” un sinonimo di oligarchia arrogante e corrotta, colonialista e schiavista.

Un sinonimo di “Destra”.

I grillini danno a un sondaggio online il valore di un’elezione, ma ormai sono le elezioni ad avere soltanto il valore d’un sondaggio online.

Parassita mutaforma, il PD è al governo ormai da più di 6 anni senza aver mai vinto un’elezione nazionale.

Si chiama Partito “Democratico”.

E ha già nel nome fin dall’inizio il suo destino Cazzaro.

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh

0
0
0
s2sdefault