Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

marx xxi

La guerra d’accerchiamento alla Cina

di Pasquale Cicalese e Filippo Violi

usa cina bandiere“Il problema delle guerre imperialiste, di quella politica internazionale del capitale finanziario che oggi predomina in tutto il mondo, che fa nascere inevitabilmente nuove guerre imperialiste e che genera inevitabilmente una intensificazione inaudita dell'oppressione nazionale, del saccheggio, del brigantaggio, del soffocamento delle piccole nazioni deboli e arretrate ad opera di un pugno di potenze "più avanzate'', questo problema è stato, fin dal 1914, il problema fondamentale di tutta la politica di tutti i paesi del mondo. è questa una questione di vita o di morte per decine di milioni di uomini”. Lenin, "Per il Quarto Anniversario della Rivoluzione d'Ottobre'', 14 Ottobre 1921, Opere complete, vol. 33, p. 41, Editori Riuniti.

“Il filisteo non capisce che la guerra è "la continuazione della politica'' e quindi si limita a dire "il nemico attacca'', "il nemico invade il mio paese'', senza domandarsi per quale motivo si combatta la guerra, con quali classi, per quale fine politico”. Lenin, "Intorno a una caricatura del marxismo e all'`economismo imperialistico''', Agosto-Ottobre 1916, Opere complete, vol. 23, pag. 30, Editori Riuniti.

L’attacco americano alla base aerea di Shayrat, nel centro della Siria, rappresenta una svolta storica nelle relazioni internazionali tra massime potenze mondiali.

Soprattutto alla vigilia di un vertice importante come quello avvenuto in Florida che avrebbe dovuto sancire accordi commerciali in funzione non belligerante tra la nuova amministrazione Usa guidata da Donald Trump, fautore di una linea protezionistica di difesa nazionale, e il Presidente della Repubblica popolare cinese, nonché capo della commissione militare centrale del partito comunista, Xi Jinping, fautore della linea “OBOR” aperta alle dinamiche internazionali. L’atto di forza che ha permesso a Trump di entrare a gamba tesa negli scenari di guerra mediorientali è servito a lanciare un monito ai nemici interni e ai rivali esterni, sia sul piano economico commerciale che nella contesa politico-militare. Qualcuno potrebbe spingersi più in là dicendo che Trump  è ormai divenuto ostaggio degli apparati burocratici, intelligence e Pentagono  in testa, che condizionano fortemente la Casa Bianca. La cacciata di Steve Bannon dal Consiglio Nazionale per la Sicurezza, uomo di punta di Trump e fidato stratega, proprio alla vigilia dell’attacco in Siria, sembrerebbe far pensare che l’establishment neocon repubblicano stia vincendo la battaglia interna. E qualcosa lo farebbe credere soprattutto perché, in questi ambienti, da anni si vede la Cina come il vero competitore strategico che gli Usa devono affrontare, se non vogliono perdere il primato mondiale.

La dimostrazione di forza militare dell’amministrazione americana denota in realtà una grave debolezza economica, ossia il vortice di stagnazione secolare in cui è finita l’America, portandosi dietro tutto l’Occidente, che è di una gravità estrema tale da non poter rendere facile il compito di Trump, sbandierato per tutta la campagna elettorale, di diventare il presidente dell’America first, in netta controtendenza con gli otto anni dell’amministrazione precedente. L’idea era proprio quella di accantonare il keynesismo militare come fattore di distruzione del capitale in eccesso, e di ricreare una base produttiva nazionale in modo da poter dar fiato al popolo americano. Insomma, meno esportazioni di democrazia, meno << boots on the ground>>, meno trattative ai tavoli della diplomazia, più controllo, più dazi doganali, più sicurezza dentro il perimetro statunitense. Solo che questa chiusura a riccio ha avuto subito a che fare con una guerra di cui non si parla mai, strategicamente sottaciuta, proprio quella economica di cui Trump si è trovato a dover fare i conti nei suoi primi cento giorni di mandato. Basterebbe spulciare e interpretare i dati negli Stati Uniti, usciti proprio venerdì 7 aprile, giorno dell’attacco in Siria, per capire la drammaticità dell’economia statunitense, con la crescita nel primo trimestre che si assesta allo 0,6% rispetto alla previsione del 3,4 (Fed Atlanta), dove il settore tradizionale del commercio ha segnato -58.000 posti lavoro nel bimestre gennaio/febbraio (Blue Chip Indicators), dove l’indice ISM manifatturiero risulta in forte calo, oltre alle vendite in sofferenza nel comparto di case e auto, con un pompaggio da sub-prime pronto ad esplodere, e al sempre più crescente debito degli studenti che limita la capacità di spesa delle famiglie,  per non pensare che c’erano tutte le premesse per sedersi al tavolo del vertice con il gigante asiatico e fare la voce grossa, senza elemosinare concessioni commerciali e magari doversi pure invischiare, sul piano militare, nell'operazione militare contro la Corea del Nord.

Ovviamente dopo l’attacco americano sul suolo siriano, il vertice in Florida è passato in secondo piano, fino quasi ad affievolirsi completamente senza lasciare alcuna traccia o quasi. Qualche cosa a dire il vero è trapelata dalla stampa, forse più interessata a catturare notizie di dichiarazioni e prese di posizioni dal Cremlino, che sembra aver giocato invece un ruolo intelligente e passivo, senza lasciarsi trascinare nel terreno di una guerra psicologica. Sicuramente c’è da dire che è mancata una dichiarazione congiunta tra i due leader mondiali che un vertice di tale portata avrebbe dovuto assicurare.

E comunque, una cosa è certa, se Russia e Cina sono state davvero informate dell'attacco, il bombardamento Usa alla base di Shayrat non rappresenta in sé un'escalation nella crisi siriana ma è solo stato fatto a scopo puramente dimostrativo per poter rientrare nella partita mediorientale e togliere la Russia da quello scenario, come stabilito da Kissinger. Due settimane fa Nikki Haley, ambasciatrice Usa presso le Nazioni Unite, aveva affermato che “per gli Usa la rimozione di Assad non era più la priorità”. A fare da eco alle sue parole ci aveva pensato anche Rex Tillerson, segretario di Stato Usa che, durante una visita ad Ankara il 30 marzo scorso, aveva detto che “il destino di Assad sarebbe stato scelto dai siriani”. Dichiarazioni in linea con la posizione del Cremlino che ha sempre ribadito il suo appoggio al governo di Damasco. E in linea con i Paesi del G7 che bocciano la proposta britannica di nuove sanzioni e sollecitano la Russia a lavorare per promuovere un <<reale e genuino processo politico in Siria>>.

L’offensiva senza precedenti lanciata da Donald Trump, con la firma dei due decreti esecutivi, dando seguito alle dichiarazioni “siamo in guerra” del ministro del commercio Wiburg Ross, rappresenta una guerra commerciale senza esclusioni di colpi che l’America fin da subito ha dichiarato di voler combattere minacciando “superdazi” verso i paesi con avanzo commerciale,  quali Germania, Giappone e Cina su tutte.  Se per i primi due fare la voce grossa sarebbe potuto bastare, cosa ben diversa bisognava ottenere nel confronti del gigante asiatico. E qualcosa Trump sembrerebbe aver ottenuto: maggiore apertura al mercato per l’importazione di prodotti agricoli e beni high tech, abbattimento di dazi doganali su auto e, soprattutto, possibilità alle aziende Usa di detenere pacchetti di maggioranza in aziende assicurative e finanziarie. Minime concessioni che la Cina sarebbe stata disposta comunque a concedere, a prescindere dal pugno in faccia che volutamente l’amministrazione statunitense ha voluto imprimere al rivale asiatico prima del vertice di Florida, con il lancio dei  59 missili Tomahawk finiti sulla base siriana di Sharyat che,  non trovando alcun minimo ostacolo nel sistema automatico di difesa antiaerea S-400, che forse qualcuno opportunamente ha pensato di disattivare per non rispondere alla provocazione.

La Cina, forte dell’accordo del gas firmato a Shanghai con la Russia (affare da 400 miliardi, pagati in yuan e rubli e che escludono il dollaro), che entrerà in vigore tra due anni con il completamento dei due gasdotti (Power of Siberia e Altai), nel frattempo, concedendo qualcosa, cercherà di prendere tempo, concentrandosi soprattutto nella politica di rafforzamento della linea interna, attraverso le riforme radicali ( previdenza, assistenza e sanità aperta a tutti) che rappresentano un beneficio per la domanda interna, rivelatesi, da almeno un quinquennio, d’interesse superiore rispetto alle politiche di export-oriented. Sarebbe il caso di dire che l’America di Trump per ritornare a essere “first” e costruire quella base produttiva ad alta specializzazione industriale, distrutta con la feroce delocalizzazione avvenuta negli ultimi 40 anni, ha bisogno, senza poterlo però dire al mondo e quindi col ricatto, del sostegno cinese.

L’obiettivo strategico finale non dichiarato di entrambi è quello di vedere chi per prima imploda rispetto all’altro. L’amministrazione Statunitense continuerà il suo accerchiamento militare sicura che prima o poi assisterà al collasso del sistema bancario e, quindi, all’accaparramento del risparmio cinese. Pechino dal canto suo dorme su un detonatore di 1,5 trilioni di dollari di buoni del tesoro americano pronti ad essere convertiti in altra valuta e far esplodere il mercato americano. Nel frattempo cercherà di non farsi trascinare nel pantano coreano, rispondendo a minacce e provocazioni militari come l’avanzata delle navi da guerra americane verso Pyongyang o come il lancio in Afghanistan del MOAB (Mother of all bombs), l’ordigno non nucleare più potente dell’arsenale americano.

Se la minaccia militare nasconde un ricatto economico, la partita vera si gioca in questo campo e l’aggressività americana nasconde proprie debolezze. L’ 11 aprile, su Il sole 24 ore, l’ex ministro del Tesoro americano Lauwrence Summers riferiva che la Cina sta costruendo filiere transnazionali in ogni parte del mondo e che è il maggiore investitore in America Latina e Africa, a cui si deve sommare il programma di collegamento euroasiatico della Via della Seta. Sul piano degli investimenti e della creazione di colossi con grandi economie di scale, Summers è dell’idea che gli Usa stiano perdendo la sfida (Gli Usa stanno già perdendo la sfida cinese e il commercio non c’entra). America First è irrealizzabile perché in Usa manca forza lavoro qualificata, e ciò è causato dalla distruzione quarantennale del sistema scolastico. Al contrario di quel che succede in Cina, dove l’istruzione è oggetto di massicce spese.

Ciò che non si perdona a Xi è la sua presa di posizione nel 2013: quando si insediò disse chiaramente che i colossi bancari e manifatturieri pubblici non dovevano essere privatizzati, al massimo si attuava una politica di quotazione azionaria di blocchi di minoranza, previa fusione tra le aziende pubbliche, in controtendenza rispetto alla caduta del saggio di profitto. Gli Usa, e con loro la City, vogliono mettere mani al risparmio cinese, 5 mila miliardi di dollari all’anno, che sommati agli ultimi dieci anni fanno una cifra sconvolgente. E’ probabile che parte di questo risparmio venga dato agli Usa e forse alla City, ma il grosso rimarrà all’interno per promuovere la domanda interna e per l’internazionalizzazione della moneta cinese. La guerra commerciale e la guerra guerreggiata convinceranno sempre più la dirigenza cinese a dipendere sempre meno dall’export e su questo il percorso sembra ben avviato, se solo si considera che dal 2007 al 2015 la quota di export sul pil è passata dal 35 al 19%, con un ulteriore diminuzione negli ultimi tempi, visto che l’export cade o cresce poco, mentre negli ultimi due mesi l’import è aumentato del 35%, divenendo la Cina la spugna mondiale. L’escalation militare è un’arma per accaparrarsi delle ricchezze costruite in 50 anni dal partito comunista cinese. Concederanno, guadagneranno tempo, ma alla lunga gliela faranno pagare.

Portare la guerra nel loro cortile non pare proprio una geniale idea. 

Commenti   

#2 Eros Barone 2017-04-23 15:33
Gli autori di questo articolo in realtà spacciano le contraddizioni interimperialiste per contraddizioni tra l'imperialismo e il socialismo (nella fattispecie, quello presuntivamente cinese). Sennonché, se è inevitabile che vi siano differenze di grado e di forme tra i vari paesi nella costruzione del socialismo, queste non possono essere mai differenza concernenti la natura del socialismo, che è fondata sulla proprietà statale dei mezzi di produzione (oltre che sul potere politico del proletariato). In Cina, invece, nei rapporti di produzione predomina il capitale privato, che imprime la sua egemonia sulla direzione di sviluppo dell'intera economia e della società stessa. E' sufficiente citare le cifre riguardanti il peso del settore privato nello Stato a partire dalle privatizzazioni di Deng Xiaoping in poi: nel 2005 il numero di imprese private ammontava a 4,3 milioni, nel 2010 a 7,5 milioni e nel 2015 a 12 milioni, mentre nello stesso anno le imprese statali erano 2,3 milioni; attualmente circa il 70% della produzione industriale cinese è dovuta a imprese non statali, oltre l’80% della forza-lavoro industriale è impiegata nel settore privato e solo il 13% dei lavoratori urbani sono dipendenti statali; inoltre la crescita delle imprese private è di gran lunga superiore a quella delle imprese statali (negli ultimi 3 decenni il 95% dell’aumento della
forza-lavoro urbana è dovuto a società private). Infine, la ciliegina sulla torta: secondo la rivista "Forbes", attualmente in Cina sono presenti ben 400 miliardari, che detengono circa 947,03 miliardi. Questi dati pongono la Cina al secondo posto tra gli Stati del mondo con più miliardari, seconda solo agli Stati Uniti, che nel 2016 ne contavano 540, e testimoniano come l’accumulazione della ricchezza nel paese abbia raggiunto livelli iperbolici, tali da creare un’oligarchia finanziaria e da svuotare del suo contenuto economico e sociale la forma statale socialista, ridotta di fatto ad una mera definizione giuridica. L'opportunismo, dal canto suo, mistifica questa realtà e riconferma la sua essenza socialimperalista: socialismo a parole, imperialismo nei fatti.
Citazione
#1 michele castaldo 2017-04-21 18:25
Con tutto il "rispetto" per gli economisti - non ne azzeccano una - l'America first «è suonno d'oro, è suonno 'e fantasia» recita una vecchia canzone napoletana. Engels, viceversa, che di critica di economia politica se ne intendeva eccome, espresse una tesi semplice ma scolpita nel granito: è la forza economica che produce la forza militare. L'America del primo e secondo dopoguerra e quella del 1991 - con il macello nel deserto per sconfiggere il popolo iracheno - si sta scoprendo vecchia, debole e impaurita e come una grande un grande pugile avanti con gli anni tende a fare la voce grossa per ricordare a tutti le sue prodezze ma nessuno più gli crede. I coreani gli hanno riso in faccia, la Russia mostra la calma della fiducia - come dice un loro poeta - e la Cina si mostra sicura per il suo peso di popolo continentale. Sono finiti i bei tempi, l'Occidente ha esportato moto-modo di produzione e sta importando la rivoluzione che si manifesterà attraverso una tremenda implosione. Tempo al tempo, la crisi è il nostro vero soggetto rivoluzionario.
Citazione

Aggiungi commento

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Codice di sicurezza
Aggiorna